qualità dell'abitare

Con i Pinqua, un nuovo vocabolario per l’urbanistica italiana

Protagonisti di Urbanpromo 2021 gli enti locali premiati dal Mims con il programma per la qualità dell’abitare
M

aratona Pinqua: così abbiamo chiamato l’iniziativa co-promossa da PPAN con Urbit e Inu nell’ambito di Urbanpromo 2021. In campo assessori, sindaci, dirigenti, ma anche professionisti e operatori privati, per raccontare come stanno cambiando le città, con la leva del finanziamento pubblico. Un faro sui progetti che hanno passato la selezione per il Programma Innovativo per la Qualità dell’Abitare. Progetti che parlano di un nuovo dialogo tra rigenerazione urbana e abitare.

Da Chieti a Cesena ad Ascoli Piceno fino a Lamezia Terme. Da Andria e Altamura a Imola e Fermo: il racconto delle Pa.

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Giovannini: per fare rigenerazione urbana, cambiare le regole è decisivo

Entro l’inizio del 2022 via libera ad un fondo per progettazioni di qualità
T

empi certi e pareri certi. I sindaci e le comunità sono scesi in campo, cavalcando l’occasione del Pinqua, per dare il proprio contributo alla transizione ecologica con la rigenerazione urbana, ma chiedono regole adatte per essere sperimentali e al contempo fattivi. «Una sfida per far evolvere il settore delle costruzioni nelle tecniche, con un approccio all’economia circolare e sempre in sicurezza; una partita aperta per le Pa – ha commentato il ministro Enrico Giovannini - con l’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile come orizzonte, chiamate ad avere un ruolo da protagoniste per “rigenerare comunità e non solo edifici”».

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Le regole del gioco sono cambiate e si stanno via via definendo, ma con la deadline chiara che il consumo delle risorse deve essere fissato entro il 2026.

Adolfo Baratta

progetti Pinqua

Rigenerazione urbana con la leva pubblica: 2mila progetti pronti ad andare in cantiere

I numeri del programma Pinqua spiegati da Adolfo Baratta (alta commissione Mims)

S

ono 213 le proposte presentate dai Comuni, 34 quelle dalle città metropolitane e altre 35 sono arrivate dalle Regioni. Centinaia di iniziative che il Ministero di Porta Pia stima scaricheranno a terra oltre 2mila progetti. Il 40% del totale nel Mezzogiorno.

La seconda fase è partita il 5 novembre 2021 ed entro il 5 dicembre saranno trasmesse le conferme. Sono previsti 120 giorni per la stipula della convenzione e poi altri 90 giorni per l’integrazione, puntando quindi ad agosto 2022. Tenendo presente che il consumo delle risorse, in linea con l’attuazione del Pnrr, è fissato per il 2026.

Paola Pierotti
Approfondisci
domande dal Nord
28%
dal Centro
33%
dal Sud
40%

Architettura minuta ed estrema, ecco come è nato il nuovo bivacco Fanton

A sei anni dal concorso indetto dal Cai, pronto sulle Dolomiti il progetto firmato Demogo

T

ra progetto e realizzazione c’è stato un processo molto lungo, durato sei anni, un tempo lunghissimo per un piccolo edificio di 30 mq. Il cantiere del Bivacco Fanton sulle Dolomiti firmato Demogo ha dovuto fare i conti con questioni logistiche legate all’elitrasporto in quota e alle condizioni atmosferiche che hanno continuamente costretto a ridefinire le nostre logiche di azione. Costruire in alta quota costringe a piegare la scansione delle sequenze costruttive, e a definire un metodo di progetto e lavoro nuovo, ogni cosa a 2.700 metri ha un valore e un senso differente.

Paola Pierotti
Approfondisci

Social media


PPAN lavora costantemente con le piattaforme social, divulgando i propri contenuti e sviluppando campagne di comunicazione per conto dei clienti.

grandi eventi e sport

Cortina 2026, una carta su come progettare con il binomio città e montagna

Partire dalla cultura, dai bisogni della cittadinanza, tenendo legate professioni, università e imprese
B

isogna puntare sulle sinergie per evitare la frammentazione, per legare lo straordinario all’ordinario con la consapevolezza che tutti i territori stanno dentro un progetto condiviso». Marcello Rossi, consigliere nazione degli Architetti italiani interviene nel dibattito sui grandi eventi e le ricadute sul territorio. «L’Expo di Milano ci ha insegnato tanto: in termini di velocità e contemporaneità, è stata però una esperienza importante, soprattutto l’Expo in città, la capacità della città di sfruttare una leva per essere capillare nel territorio. Non avevamo Versailles, ma i luoghi dei cittadini e questo ha generato la prima meta turistica mondiale nell’arco di quel periodo».

Verso Milano Cortina 2026 si incentiva la cultura del progetto, per condividere i temi comuni, legati alla montagna e al paesaggio. Serve parlare di metodi, andare dalle persone, dalle comunità, dalla politica e dagli imprenditori, per una lettura dei bisogni. Dalle necessità alla vision, con la Carta per i grandi eventi nelle città ricche di patrimonio.

Francesca Fradelloni
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Quando lo sport fa città. Da Prato ad Assisi le lezioni del pubblico

Tra i privati, il laboratorio del Viola Park di Bagno a Ripoli ideato come un campus universitario
L

o sport come leva per la rigenerazione urbana, sociale e culturale. Da progetti su larga, come gli stadi dei grandi club (come quelli rigenerati da Juventus o Udinese), a interventi mirati che riguardano porzioni di città più contenute, da partnership pubblico-privato a iniziative esclusivamente pubbliche, sono tanti gli esempi negli ultimi anni di impianti sportivi che sono diventati una leva per il rammendo urbano. Urbanpromo 2021 ha acceso i riflettori su questo tema studiando come hanno fatto comuni come Assisi (centro di eccellenza per la boxe) o Prato (con il progetto di playground di ristoro, di sport e di svago).

Chiara Brivio
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

E se i centri sportivi fossero motori della rigenerazione urbana?

Sda Bocconi e deamicisarchitetti insieme per la ricerca che lega sport e città
D

ai centri sportivi, un’idea per rigenerare le periferie. Una ricerca Sda Bocconi, a cura di Piero Almiento e Giacomo De Amicis, con contributi di Rossella Destefani e Raul Duca, è un racconto che guarda al mondo dei centri sportivi con occhi nuovi cercando di dare un contributo per il loro sviluppo sostenibile, indicando strade possibili che potrebbero essere seguite efficacemente dalle società sportive, a prescindere dalla fase in cui si trovano.

Il centro sportivo come origine e motore di nuovi spazi collettivi, tenendo insieme salute, educazione, socialità e cultura.

Redazione
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Lusso in alta quota. La passione per lo sci spinge la domanda di acquisto di abitazioni in montagna

Si va dai 4.500 euro al mq di Bormio agli 11mila di Cortina d'Ampezzo, alti ma inferiori a St. Moritz, Gstaad e Courchevel
S

econdo una recente ricerca Ipsos, la passione degli italiani per le piste da sci è sempre alta e 4 su 10 hanno dichiarato che faranno la settimana bianca, un incremento complessivo del +6,9% rispetto alla stagione invernale 2019/2020, un dato che si allinea con il crescente interesse per il mercato immobiliare ad alta quota che registra un +6,5% rispetto al 2019.


I prezzi al metro quadro a Cortina vanno da una media di 11mila euro, +7,8% rispetto al 2020, a 14mila euro per il famigerato Corso Italia fino ad arrivare a 17.200 euro a mq per gli chalet più esclusivi


L’analisi di mercato di Abitare Co. offre uno spaccato con alcune comparazioni internazionali: si va dal prezzo medio di 33mila euro al mq per gli immobili di Gstaad, 27mila euro al mq per Courcheveln e 25mila euro per le residenze di St. Moritz.

Maria Giulia Pozzi
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Franciacorta, Gbpa sigla il design del primo Porsche Experience Center italiano

A

l posto della vecchia pista di Franciacorta, Porsche ha realizzato un vero e proprio autodromo omologato per le corse dalla Federazione Internazionale Automobilismo. L’auto Porsche al centro del progetto firmato GBPA Architects e Dromo, protagonista assoluta che può essere guardata, osservata, ammirata da qualsiasi tipo di angolazione. L’auto potrà entrare nelle sale meeting e addirittura al ristorante.

Andrea Nonni
Approfondisci

Iscriviti alla nostra newsletter
Unisciti alla nostra community

News

27 Novembre 2018    Redazione    Lettura : 3 minuti

Yacht design, gioco di squadra tra ricercatori, imprenditori e progettisti

Flessibilità e adattabilità al lavoro in team sono quindi entrate a far parte delle caratteristiche necessarie per emergere nel mondo dello yacht design

Yacht e architettura. Per i non addetti ai lavori due mondi distanti e senza punti di contatto; per i progettisti, un settore ricco di opportunità che da sempre vede la commistione di più professionalità, fra le quali spicca quella dell’architetto.

Approfondisci

3 Marzo 2019    Redazione    Lettura : 5 minuti

Dalla città di Prato al caso ENI, cosa può fare chi punta sul driver della circolarità

Al Festival della città toscana, idee, storie e best practice che coinvolgono pubblico e privato.

Recò Festival è l’occasione per rimettere le città, con i loro contenuti e contenitori, al centro dell’agenda politica. «La manifestazione del 15 marzo, Global strike for Future – ha commentato l’europarlamentare Simonà Bonafè tra gli autori del nuovo pacchetto normativo Ue – ha riacceso un faro sull’urgenza drammatica delle questioni che riguardano la sostenibilità ambientale.

Capita che troppo spesso si parli di economia circolare a sproposito.

Bisogna cambiare approccio in tutto, per dare vita ad un nuovo sistema di produzione. Se ci si limita a considerare questo argomento nell’ambito di una politica dei rifiuti perdiamo l’ultimo treno. Grazie all’innovazione tecnologica, la circolarità può essere l’unico driver per una politica industriale sostenibile».

Approfondisci

29 Marzo 2019    Elena Pasquini    Lettura : 2 minuti

Non solo investitori: il Mipim dei professionisti

Dai progettisti agli avvocati tra barche, presentazioni e soluzioni interattive tra gli stand del Palais du Festival

La contaminazione è di casa al Palais du Festival di Cannes nei giorni del Mipim: professioni, ruoli, territori, mission e vision. Nazioni, città, studi di progettazione nei padiglioni della kermesse internazionale si alternano alle catene alberghiere, ai rappresentati delle università e agli studi legali. Nel porto turistico sono numerosi gli yacht attraccati su cui sventolano le […]

Approfondisci