Coima apre agli under35 da invitare ai prossimi concorsi privati

24 Luglio 2019   I     I    Lettura : 2 minuti

Prima deadline: 29 luglio, seconda selezione con consegna entro il 22 agosto

Coima a caccia di potenziali giovani talenti, con una richiesta di candidatura per team di giovani architetti da invitare nei suoi concorsi privati, per edifici e spazi pubblici. Opportunità concreta per i giovani professionisti per misurarsi con architetti di chiara fama, anche internazionale. Ecco quindi un bando rivolto agli under35 per essere protagonisti dello sviluppo di alcune prossime iniziative immobiliari promosse dalla società guidata da Manfredi Catella. Prima scadenza: 29 luglio. Seconda scadenza: 22 agosto 2019.
Da anni Coima investe nella qualità dell’architettura e nel rispetto dell’ambiente, anche mediante l’organizzazione di concorsi per selezionare i progettisti. E ora apre ai giovani.

Gli architetti devono essere under 35 e per i futuri concorsi indetti da Coima devono proporsi con un gruppo di giovani competenti nel progetto di architettura, delle strutture, del verde e degli impianti, in grado di dimostrare approcci innovativi anche dal punto di vista della sostenibilità ambientale.

Manfredi Catella, ceo Coima

L’architetto che deve essere il capogruppo deve essere iscritto presso un albo professionale dell’Unione Europea e i componenti del gruppo potranno essere di diversa nazionalità. Si richiede un’esperienza nel campo della progettazione architettonica in aree urbane, su progetti di grande dimensione di riuso o di nuova costruzione. Nella candidatura si chiede di dimostrare la competenza con un progetto che abbia avuto la concessione edilizia, almeno co-firmato dall’architetto; o attraverso un progetto selezionato in un concorso di livello almeno nazionale, come vincitore, classificato entro i primi tre posti o con menzione della giuria; o ancora con un progetto selezionato in un premio di livello almeno nazionale, come vincitore, classificato entro i primi tre posti o con menzione della giuria.

Una commissione interna di Coima giudicherà se e quanti architetti con rispettivi gruppi potranno essere selezionati per i concorsi ad inviti e ne darà comunicazione ai candidati. Si precisa nella nota che la selezione non prefigura alcun tipo di incarico professionale bensì la sola ma importante opportunità di partecipare ai concorsi di Coima.

Modalità operative per partecipare: scrivere a progetti@pec.coimasgr.com e inviare, oltre a quanto richiesto il curriculum sia dell’architetto che del gruppo multidisciplinare con cui si vuole partecipare alla prossima procedura concorsuale, di non più di 3 pagine in PDF. Al curriculum vanno allegate massimo 3 immagini in PDF del progetto da presentare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

Biennale di Venezia Expo
Biennale 2018, lo spazio libero secondo i Maestri dell’Architettura
Concorsi I progetti I protagonisti In punta di Legge Le Iniziative
L’atlante di New Generations: chi sono e cosa fanno gli architetti europei emergenti
Dal Cityringen all’ospedale di Odense, le grandi opere in Danimarca parlano italiano
Quando l’impresa cambia pelle, l’off site made in USA spiegato da Skender
X