A Salerno, Steam, Pinearq e Studio Valle Progettazioni in prima linea per l’ospedale da 13 milioni

24 Maggio 2019   I     I    Lettura : 2 minuti

Big dell’architettura e dell’ingegneria internazionale, con consulenti specialistici in gara nella città campana

Resa pubblica la graduatoria provvisoria del nuovo ospedale di Salerno. Steam con Pinearq e Studio Valle Progettazioni in cordata anche con l’ingegner Armando Zambrano sono i primi classificati nella maxi gara indetta a Salerno dalla So.Re.Sa per il nuovo ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona. In seconda posizione si sono distinti lo studio Altieri con Samoo Architects and Engineering e Iconia Ingegneria civile. Terzi Mythos Consorzio stabile con GMN Engineering, Arethusa e Corvino+Multari.

Professionisti da tutto il mondo si sono confrontati proponendo un’offerta tecnica e una economica con ribassi variabili da 31,8 (per Sd Partners con Nier Ingegneria e Interpro Engineering in tredicesima posizione) a 53 (per il gruppo guidato da Atelier(s) Alfonso Femia con Carta Associes, Binini Partners e Od’a Officina d’Architettura, giunti in quarta posizione).


Per il nuovo ospedale che dovrà essere da oltre 700 posti letto, con un policlinico universitario, si parla di un valore per la progettazione intorno ai 13 milioni di euro, al netto di Iva e oneri.


Una firma nota nel settore ospedaliero com’è Pinearq (in squadra con Steam che si è appena aggiudicata anche il concorso per il nuovo campus di Padova) ha vinto con 70,16 punti per l’offerta tecnica e 48,1 per il ribasso percentuale, 88, 31 punti totali, distaccando il team di Altieri di un solo punto (87,3) e Mythos di quattro punti (84,79). A seguire, come detto, il team di Atelier(s) Alfonso Femia (82,18 punti), Proger con SOM, Manens Tifs e Lnar (79,64 punti) e poi Politecnica Ingegneria con Nickl&Partners e Gnosis Progetti (77,85 punti).

Aperte oggi le buste in seduta pubblica per la maxi-gara per assegnare (in una sola fase) il servizio di progettazione, di fattibilità tecnica ed economica, definitiva ed esecutiva, oltre al coordinamento per la sicurezza per la realizzazione del nuovo complesso ospedaliero.

Tra gli altri studi in campo anche Cspe con F&M Ingegneria, Ipostudio con Archea e Debiasio Progetti, Barretta&Partners con Mad Office e Maffeis, Mario Cucinella Architects con 3TI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

.

sono una descrizione dell' autore THEbrief.bio.
Biennale di Venezia Expo
Biennale 2018, lo spazio libero secondo i Maestri dell’Architettura
Concorsi I progetti I protagonisti In punta di Legge Le Iniziative
L’atlante di New Generations: chi sono e cosa fanno gli architetti europei emergenti
Dal Cityringen all’ospedale di Odense, le grandi opere in Danimarca parlano italiano
Quando l’impresa cambia pelle, l’off site made in USA spiegato da Skender
X