Yacht design, gioco di squadra tra ricercatori, imprenditori e progettisti

27 Novembre 2018   I     I    Lettura : 3 minuti

Flessibilità e adattabilità al lavoro in team sono quindi entrate a far parte delle caratteristiche necessarie per emergere nel mondo dello yacht design

Anche per questo l’Ordine degli architetti di Roma ha organizzato un convegno sul tema dello yacht design, invitando soggetti rinomati nel mondo della nautica fra ricercatori, imprenditori e designer. Tutti italiani, ma non per una scelta campanilistica, quanto per il ruolo di primaria importanza che il nostro Paese ricopre in questo comparto.

Nonostante la crisi del 2008, infatti, le stime prevedono che nel 2020 il mercato delle imbarcazioni di lusso arriverà a valere 70 miliardi di euro a livello mondo. E da noi, negli ultimi tre anni, si sono registrati tassi di crescita medi del 16% grazie soprattutto alle commesse in arrivo dall’estero. Questo a conferma del riconoscimento globale dell’abilità delle aziende nostrane nella sperimentazione di forme, tecnologie e materiali.

«Il design da noi è figlio delle botteghe artigianali rinascimentali dove intellettuali e artigiani coniugavano aspetti linguistici e produttivi – ha spiegato Andrea Vallicelli, architetto e designer di Azzurra e altri rinomati scafi da regata –. Questo rapporto sinergico, per avere successo oggi, deve cogliere gli elementi caratteristici della contemporaneità. Il dialogo, quindi, rappresenta il minimo comun denominatore, vista anche la complessità della progettazione. Gli yacht sono macchine molto complesse che si muovono fra due fluidi come l’aria e l’acqua e in cui la forma ha un ruolo fondamentale rispetto alla prestazione. Anche l’architettura però è importante, perché si tratta di imbarcazioni che contengono spazi abitativi, non semplici abitacoli».

Punto centrale del dibattito, la formazione. Trovare figure che siano in grado di gestire il percorso progettuale e costruttivo di una imbarcazione è sempre più difficile. Sotto questo profilo, sono diverse le facoltà che hanno dato vita nel corso degli anni a corsi ad hoc. «La domanda di risorse in grado di confrontarsi con il mondo della nautica è in crescita – ha sottolineato l’architetto e professore Andrea Ratti, del Politecnico di Milano – e sostanzialmente si tratta di un trend globale. Se è vero, infatti, che i nostri studenti provengono in particolare dall’area mediterranea, negli ultimi anni riceviamo iscritti da tutto il mondo. In circa 18 anni, abbiamo formato 1200 ragazzi fra yacht designer, naval architects e interior designer. Va detto però, che nonostante si tratti di un comparto in crescita, resta comunque di nicchia – ha raccontato Ratti – e la sua capacità di “assorbimento” è commisurata alla possibilità di attingere ad ambiti professionali molto diversi fra loro».

Sulla stessa linea il professore Carlo Bertorello dell’Università di Napoli Federico II: «Oggi lo yacht design è un lavoro di gruppo per diversi motivi, primo fra tutti la complessità dei fattori in gioco. La nave è infatti una macchina che interagisce con acqua e aria e la chiave per un progetto di successo è rappresentata proprio dalla conoscenza e dallo sfruttamento di queste interazioni. Lo studio della dinamica dei fluidi ha subito un grande impulso anche dall’innovazione nel campo dell’elettronica. Se fino a qualche tempo fa, avevo bisogno di circa 10 secondi per ottenere il risultato di una prova in vasca navale, oggi bastano pochi decimi. La ricerca si concentra in particolare su comfort, performance e, da alcuni anni, sostenibilità».

E proprio l’innovazione ha portato, non solo nel settore della nautica naturalmente, allo sviluppo di nuovi materiali ecocompatibili. «Resine derivanti da frumento e altri prodotti naturali come la canapa e il lino – ha evidenziato l’architetto Massimo Paperini, professore dell’Università Roma Tre – sono solo alcune delle novità degli ultimi anni. In alternativa al Pvc è stato utilizzato anche il sughero, mentre per la sua elasticità cresce l’impiego della canna di bambù. Trovo giusto sperimentare portando sempre al limite sia i materiali che i progetti, in tutti i loro elementi. Da questo punto di vista il rapporto con i miei colleghi e con gli studenti è fondamentale perché mantiene alto il livello di competitività, stimolando così il progresso e alzando l’asticella delle aspettative e delle possibilità. Lo yacht design è un tema molto complesso per la sua relazione con elementi ai quali gli architetti abitualmente si rapportano, ma in condizioni diverse. Un esempio? La luce. Diversamente da un edificio, un’imbarcazione cambia orientamento continuamente e questo porta gioco forza il progettista a dover fare degli studi approfonditi ed a lavorare fianco a fianco con altre professionalità».

Flessibilità e adattabilità al lavoro in team sono quindi entrate a far parte delle caratteristiche necessarie per emergere nel mondo dello yacht design. «Io non ho mai lavorato da solo – ha ricordato l’architetto Giovanni Zuccon, professore per oltre 40 anni dell’Università La Sapienza e nome importante nel comparto della progettazione nautica – Senza i miei tanti collaboratori, avrei realizzato ben poco. Come studio abbiamo sempre affrontato sfide anche molto diverse fra loro. Dai bus ai camion, dai treni alle navi per la ricerca oceanografica. Personalmente sono contro la specializzazione e credo fermamente al travaso delle esperienze. Se realizzo buone imbarcazioni, è anche perché ho studiato per anni l’edilizia. Il progetto, inoltre, è una sintesi fra tre diverse figure: il designer, l’imprenditore (o committente) e l’utente finale. Senza un rapporto di continuità con i diversi soggetti, infatti, non si può dar vita ad un buon prodotto. Oggigiorno poi, la personalizzazione è un elemento centrale e se prima eravamo in pochi a puntare su questo aspetto, oggi è una condizione imprescindibile per avere successo sul mercato».

sono una descrizione dell' autore THEbrief.bio.

Articolo Precedente

Biennale di Venezia Expo
Biennale 2018, lo spazio libero secondo i Maestri dell’Architettura
Concorsi I progetti I protagonisti In punta di Legge Le Iniziative
L’atlante di New Generations: chi sono e cosa fanno gli architetti europei emergenti
Dal Cityringen all’ospedale di Odense, le grandi opere in Danimarca parlano italiano
Quando l’impresa cambia pelle, l’off site made in USA spiegato da Skender
X