Architettura e arte in dialogo con il sacro a Mormanno. Ecco la chiesa di Cucinella

23-11-21   I   | Lettura : 2 Minuti

A dieci anni dal concorso, una fabbrica contemporanea nel cuore del parco del Pollino
D

ieci anni dall’avvio del Progetto Pilota Cei ed è pronta la Chiesa di Santa Maria Goretti progettata da Mario Cucinella Architects. Il committente è la Diocesi di Cassano all'Jonio. Siamo nel cuore del parco nazionale del Pollino, nell'Appennino meridionale, sul confine tra la Basilicata e la Calabria, nel comune di Mormanno. «Solitaria e monolitica - raccontano dallo studio bolognese - la chiesa domina il contesto urbano della cittadina calabrese. L’architettura con i suoi 16 metri di altezza (poco meno di mille mq di superficie) si erge a scrigno che custodisce e protegge l’intima sacralità degli interni, in dialogo con il paesaggio circostante. La pianta monumentale dalla forma organica si ispira alle geometrie di alcune delle più belle chiese barocche e, la facciata principale, che si apre sul nuovo sagrato è caratterizzata da pochi ma essenziali elementi che definiscono i principali segni della tradizione cristiana: il portale di ingresso e la croce».


Pietra, bronzo e mosaico si confrontano e dialogano con l’eco dell’impianto barocco. Gli arredi sono in legno e acciaio, disegnati dallo stesso studio Mca, attraverso la sua divisione design.


Tra arte e architettura, simboli, luce e atmosfera. Leggeri sfaldamenti dell’involucro disegnano una croce, con linee d’ombra generate dall’intersezione col portale d’ingresso: segno che si legge da lontano e al calar della sera si illumina. Sempre sulla pelle esterna, una serie di formelle in creta racconta la via Crucis, e all’interno l’episodio della crocifissione è narrato attraverso una finestra che guarda al crocefisso interno alla chiesa. Il 6 luglio, data di morte della Santa e martire (1890-1902), un raggio di luce si allinea alla finestra illuminando completamente la croce.

L'opera d'arte di Giuseppe Maraniello si materializza attraverso una serie di veli traslucidi, riverberando la luce naturale attraverso le tante pieghe, «in un gioco di riflessi che si rifà allo spettacolo mistico delle aurore boreali – dicono dallo studio Mca - creando un’atmosfera intima e raccolta».

In copertina: esterno della Chiesa di Santa Maria Goretti. Ph. ©Duccio Malagamba

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Scalo di Porta Romana, dentro il cantiere del Villaggio olimpico
Dopo il concorso il Ptfe. Tra un anno il cantiere del Parco della Giustizia di Bari
Expo 2030 a Roma: un progetto da 50 miliardi per l’Italia
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro