Con gli immobili Enpam, Coima cresce a Milano e Roma

24-03-22   I   | Lettura : 2 Minuti

Cresce il patrimonio della sgr, 75mila mq per 300 milioni di portafoglio
S

i rafforza il patrimonio immobiliare di Coima che ha rilevato da Fondazione Enpam, in collaborazione con Apollo Global Management, un portafoglio di immobili nelle città di Milano e Roma per oltre 300 milioni di euro.

La sgr, leader nella gestione patrimoniale di fondi di investimento per conto di investitori istituzionali, ha raggiunto un accordo con primari investitori istituzionali italiani e internazionali per l’acquisizione di undici immobili, per un totale di circa 75mila mq di superficie.

Gli immobili facevano precedentemente parte di un più ampio portafoglio della Fondazione Enpam, l’ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri, che nell’ambito del riassetto generale della propria struttura patrimoniale, ha promosso una procedura competitiva per la cessione degli stessi aggiudicata nel 2021 ad alcuni fondi gestiti da Apollo Global Management. Coima sgr è subentrata nell’acquisizione di un terzo del totale del portafoglio.

A Milano, nell’ambito del compendio Milano Porta Nuova il neo costituendo fondo Porta Nuova Liberazione, interamente sottoscritto da primari investitori istituzionali, ha acquisito una parte del portafoglio composta da un intero isolato formato da immobili a uso misto (uffici 56%, residenziale 30%, hotel 9%, car park 5%), nel quadrilatero tra via Viviani, via Bordoni, via Adda e via Cornalia, adiacente al programma di rigenerazione urbana di Porta Nuova Gioia promosso dalla stessa Coima. Qui la strategia prevede un programma progressivo di riqualificazione e di valorizzazione del quartiere in una prospettiva di investimento di lungo termine, con residenze in affitto e uffici.

Gli immobili acquisiti si integreranno nel programma di rigenerazione urbana di Porta Nuova Gioia dove Coima sta sviluppando, per oltre 300mila mq complessivi e un valore a regime superiore al miliardo di euro, sette progetti incluso Pirelli 32, recentemente acquisito da un fondo gestito da Generali Real Estate spa sgr.

A ridosso dell’area dello Scalo di Porta Romana a Milano dove Coima è già presente assieme a Covivio e Prada Holding, la sgr ha comprato un immobile in via Ripamonti che sarà completamente ristrutturato per adeguarlo ai più elevati standard internazionali per edifici direzionali.

Ancora, un’ultima parte di portafoglio è costituita da due immobili a destinazione uffici situati nel Central Business District di Roma, oltre a due immobili a destinazione prevalente uffici e un hotel a Milano (uffici 83%, residenziale 3%, retail 1%, hotel 13%), ed è stata acquisita dal neo costituito Coima Thalia Fund, interamente sottoscritto da fondi gestiti da Apollo. Il fondo diviene operativo con il closing di questa operazione con un valore iniziale di 60 milioni di euro e un target di oltre 80 milioni. Gli immobili del fondo, sviluppati su circa 36mila mq, saranno oggetto di una riqualificazione che porterà a un significativo miglioramento energetico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Reggio Emilia, Italo Rota riscrive il concetto di museo partecipato
Locanda Officina Monumentale: da cascina a hub per gli artigiani 4.0
Architettura per i giovani. Pronto il Rondò dei Talenti a firma cm2 associati
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro