Dal Pnrr in arrivo 1,8 miliardi per le periferie di 13 città

05-10-22   I   | Lettura : 2 Minuti

Invitalia ha pubblicato le procedure di gara per la realizzazione dei Piani urbani integrati
I

nvitalia, l’Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, ha pubblicato le procedure di gara per la realizzazione dei Piani urbani integrati (Pui) previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr); a disposizione 1,8 miliardi per migliorare le periferie delle aree delle Città metropolitane attraverso nuovi servizi per i cittadini, per la riqualificazione e la rigenerazione. L’obiettivo è quello di trasformare i territori più vulnerabili in smart city e realtà sostenibili con 399 interventi distribuiti in tutt’Italia.

L’Agenzia ha ricordato come, attraverso un decreto dello scorso 22 aprile, il ministero dell’Interno, titolare dell’investimento, abbia approvato e finanziato complessivamente 31 Pui per un importo dell’ordine di 2,7 miliardi di euro; le quattro procedure avviate ora dalla società del Mef si inseriscono in questo ambito e interessano tutte le Città metropolitane, ad eccezione di quella di Sassari, per l’aggiudicazione di accordi quadro multilaterali.


I bandi riguardano 399 interventi ed utilizzano il 66% dei fondi europei per la riqualificazione delle aree metropolitane.


Nello specifico, i quattro bandi riguardano l’affidamento di lavori e servizi di ingegneria e architettura per la ristrutturazione e la manutenzione di edifici pubblici già esistenti; la rifunzionalizzazione di aree e spazi pubblici; il restauro e la ristrutturazione di immobili sottoposti a vincolo di tutela; la realizzazione di interventi sulla mobilità, inclusa quella ciclabile. Il tutto in un’ottica che segue le priorità della transizione ecologica trasversale a tutto il Pnrr.

Attraverso questi bandi Invitalia affianca, e sostituisce, le amministrazioni locali tramite il meccanismo costituito in alleanza fra sindaci e governo nella cabina di regia tecnica a Palazzo Chigi inserito nel decreto Aiuti-ter che disciplina, appunto, le modalità d’azione della regia della società pubblica negli accordi quadro con gli enti territoriali sul Pnrr; per ognuno dei soggetti attuatori infatti saranno stipulati accordi con gli appaltatori per ogni specifica tipologia di prestazione.

La scadenza per partecipare è fissata alle ore 13 del prossimo 3 novembre.

Foto di copertina © Mirko Bozzato

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Aut Aut Architettura, chi sono i giovani talenti che si sono aggiudicati il Museo dei bambini
Il team guidato da Oma si aggiudica l'ampliamento del museo egizio di Torino
Tre scuole per Amaa. Alleanza con i colleghi che condividono le battaglie
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro