Nasce Campo 7 a Milano. La rigenerazione urbana passa dagli spazi per lo sport

07-10-22   I   | Lettura : 4 Minuti

L’iniziativa di Hines in collaborazione con Fidal Lombardia per avvicinare i ragazzi all’atletica nel quartiere San Siro

Lo sport è uno strumento di crescita personale e di inclusione senza eguali. Ben vengano quindi progetti che ridanno valore e funzione sociale a spazi pubblici altrimenti inutilizzati.

Martina Riva

G

li anni della pandemia ci hanno dimostrato quanto i ragazzi, e non solo, abbiano bisogno di spazi all’aperto capaci di creare luoghi di aggregazione sociale. Per questo, specialmente nelle città metropolitane, c’è sempre maggiore necessità di progetti in grado di costruire sinergie sul territorio, integrando sport e rigenerazione urbana. Questo è l’obiettivo del progetto “Campo 7”, inaugurato presso Piazzale dello Sport nel quartiere di San Siro, che per un anno vuole mettere a disposizione dei cittadini e delle scuole della zona uno spazio dove poter svolgere attività fisica in compagnia.

Grazie al patrocinio del Comune di Milano e di Municipio 7, il progetto avvicina i ragazzi allo sport e promuove uno stile di vita sano e sostenibile grazie all’attività fisica, nelle scuole ma non solo. Un progetto che in vista dei Giochi olimpici invernali di Milano Cortina del 2026 dà nuova linfa alle partnership pubblico-private come esempio di modello sostenibile.

A tagliare il nastro di “Campo 7” è intervenuto il sindaco di Milano Beppe Sala, insieme all’assessora allo Sport, turismo e politiche giovanili del comune di Milano Martina Riva e l’atleta Filippo Tortu, oro nella staffetta 4×100 metri ai Giochi di Tokyo 2020. Proprio il campione olimpico si è intrattenuto con gli oltre 200 ragazzi del quartiere chiamati a partecipare, correndo con loro nei nuovi spazi inaugurati.

L’iniziativa di Hines, società globale di investimento, sviluppo e gestione immobiliare, in collaborazione con Fidal Lombardia (Federazione italiana di atletica leggera), prosegue il percorso di attivazione di laboratori didattici e attività extracurriculari avviato con “Progetto Scuole”, iniziativa dedicata ad oltre 300 studenti degli istituti del Municipio 7.

«Come amministrazione comunale abbiamo l’obiettivo di fare di più per lo sport e questa è una occasione importante. Da qui al 2026, anno dei Giochi olimpici invernali di Milano Cortina, faremo il possibile per far crescere una maggiore consapevolezza nei cittadini. Le persone vogliono vivere in città che siano più belle, vivibili e con più spazi per lo sport», ha dichiarato il sindaco Beppe Sala.

All’evento di inaugurazione sono inoltre intervenuti anche Mario Abbadessa, Senior managing director & country head di Hines Italy; Silvia Fossati, Presidente Municipio 7; Giovanni Mauri, Presidente Fidal Lombardia; Marco Riva, Presidente comitato regionale Coni Lombardia e Giorgio Zampetti, Direttore generale di Legambiente, con la quale Hines è prossima a finalizzare un accordo di partnership strategica.

Il programma delle attività sportive si estenderà per l’intero anno accademico e sarà rivolto agli istituti della zona, grazie anche al contributo della scuola di atletica Raptors Milano.

«Oggi si restituisce al quartiere e alla città un'area in cui bambini e bambine, ragazzi e ragazze potranno praticare sport in modo gratuito. In questi anni, a causa della pandemia, circa il 30% dei ragazzi ha smesso di fare attività sportiva. Questo è un dato allarmante che deve spingere tutte le realtà che operano in questo mondo, a cominciare dalle istituzioni, a impegnarsi con crescente determinazione per promuovere l'attività fisica e sportiva delle giovani generazioni, per il loro benessere fisico e psicologico. Lo sport è uno strumento di crescita personale e di inclusione senza eguali. Ben vengano quindi progetti come questo che ridanno valore e funzione sociale a spazi pubblici altrimenti inutilizzati» ha dichiarato la Riva.

Hines, in qualità di investitore e sviluppatore, è attualmente impegnata nella rigenerazione urbana dell’area ex Trotto, attraverso il fondo immobiliare Invictus gestito da Prelios Sgr. L'area abbandonata dell'iconico ippodromo di trotto della città sarà trasformata grazie al progetto di rigenerazione urbana che include un parco di 45mila metri quadrati. Proprio nella zona, nell’ambito di “Progetto Scuole”, è stato inaugurato a marzo 2022 lo skyline floreale di “Un kilometro di biodiversità”. Il progetto “Campo 7”, nato dalla creatività dell’illustratrice e muralista Camilla Falsini e realizzato dai giovani artisti di “Hard in the Paint”, ne è il naturale sviluppo e ribadisce la volontà di creare uno stretto rapporto tra i residenti del quartiere e le nuove aree in costruzione.

«Si apre oggi una nuova stagione per Hines, dedicata alla promozione dello sport nelle scuole, quale leva fondamentale per contribuire alla formazione di futuri cittadini consapevoli e responsabili. Un obiettivo che abbiamo scelto di perseguire attivando connessioni e sinergie di lungo termine con istituzioni, amministrazioni locali e le diverse realtà impegnate nel territorio», ha commentato Abbadessa. «Un modello virtuoso di collaborazione che stiamo sperimentando con soddisfazione da oltre un anno con “Progetto Scuole” e che puntiamo ad ampliare ad altri partner già nei prossimi mesi».

In copertina: il Campo 7 a Milano

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Cavallerizza Reale, il team di Cino Zucchi vince (Lacaton&Vassal resta in pista)
La casa dello studente diffusa: servizi digitali per alloggi certificati
Andrea Tabocchini, il decollo con le scuole Futura e il Museo Egizio
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro