Noa* recupera un monastero che riapre come hotel ad Arco di Trento

09-09-21   I   | Lettura : 3 Minuti

Camere, suite, servizi di lusso per il relax. Relazione stretta con il paesaggio, anche con un “biolago”
D

a sempre i monasteri rappresentano, nella loro austerità e rigore, luoghi di meditazione, preghiera e riflessione. Ma sono anche simbolo di vita comunitaria e, a volte, di ospitalità per viandanti e viaggiatori. Oggi alcune di questi antichi siti sono oggetti di intervento e restyling – si pensi all’Indigo Hotel di Venezia, firmato Thdp, ricavato da un convento degli anni ‘30, o l’iconico Four Season di Milano, situato in una struttura religiosa risalente al XV secolo e oggetto di un recente intervento di restyling opera di Patricia Urquiola – per essere trasformati in moderni spazi di relax e di convivialità, anche se meno spartani e più adatti alle necessità degli ospiti contemporanei.

Ed è questo anche il caso del monastero di clausura delle Serve di Maria Addolorata ad Arco di Trento, sulla punta Nord del Lago di Garda, edificato nel Seicento e oggi diventato l’hotel Monastero Arx Vivendi. Un intervento di recupero e di restauro firmato dallo studio altoatesino noa* network of architecture – protagonista in questi giorni al FuoriSalone di Milano con l’installazione Transsensorial Gateway, realizzata per la mostra Creative Connections e dedicata al rapporto tra l’architettura e le persone – e portato avanti in collaborazione con la Sovrintendenza di Trento, che ha visto i progettisti dello studio impegnati nella conversione a struttura alberghiera della parte sud dell’edificio, oltre alla realizzazione di una nuova area spa e wellness di 500 mq ricavata nel giardino. Quaranta le camere, delle quali 2 sono suite, per un progetto che rispetta la tipologia architettonica e la struttura del sito originario e che trova ispirazione, nella scelta dei materiali e nella composizione soprattutto dei nuovi spazi esterni, dal contesto agricolo e rurale del Lago di Garda. 


Tre i livelli sui quali si articolano gli spazi, con al piano terra le aree pubbliche dell’hotel – la reception, la sala colazione e lettura, il bar e una cucina –, oltre ad una delle suite.


Al primo piano, se le anguste celle delle monache sono state unite per arrivare a metrature che vanno tra i 22 e i 30 mq, sono state invece mantenute le antiche porte in legno che si affacciano sul corridoio centrale lungo 50 metri. Anche al secondo piano, dove i progettisti hanno deciso di mantenere e restaurare le capriate originali, sono state ricavate altre due file di stanze, con un lucernario a illuminare gli spazi lungo tutta la copertura.

Il rispetto e il recupero del preesistente ha caratterizzato il design d’interni, come spiega Niccolò Panzan, architetto dello studio noa*, «il design si è adattato agli austeri spazi monastici con soluzioni su misura, senza rinunciare a comfort, funzionalità e a un'estetica contemporanea». I colori storici del monastero, il grigio e il nero, il rivestimento originale in cotto, soluzioni materiche che evocano il rigore delle regole monastiche, arredi realizzati artigianalmente e su misura: queste le scelte attuate dagli architetti anche per gli interni.

Spazio all’uso del vetro e di strutture metalliche leggere per l’area wellness, come spiega Francesco Padovan, progettista di noa*, «Nel disegno di quest’area – spiega – abbiamo cercato di relazionarci non tanto con il monastero, troppo “importante” come riferimento architettonico, quando con il paesaggio agricolo circostante». All’interno di questa parte dell’hotel, oltre alle sale trattamenti, relax e alle saune, anche un “biolago”.

In copertina: il Monastero Arx Vivendi, Noa*. Ph. ©Andrea Dal Negro

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Dal modello olivettiano dell’architettura per la comunità, ecco il Campus Tesisquare firmato Nemesi
Parallel Lines, un racconto fotografico sulle aree dismesse lungo l’anello ferroviario di Roma
Circolarità e creatività, alla Design Week c’è spazio anche per gli esiti della ricerca europea
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Luoghi di produzione e comunità urbane, il focus della Serbia alla Biennale di Venezia
Sostenibilità, demografia e architettura: alla Biennale di Venezia la storia della Takamizawa house
L’Austria alla Biennale. Le piattaforme digitali ci daranno una vita urbana più equa?