Riqualificazione del patrimonio abitativo, alleanza Enel X e Federlegnoarredo

26-02-20   I   | Lettura : 2 Minuti

Energia negli edifici a uso abitativo, industriale e pubblico. Politiche e strumenti di incentivazione

L’obiettivo che ci poniamo è di anticipare le sfide delle aziende, per renderle più competitive, più smart e riconoscibili. Intercettare i bisogni delle persone, per favorire il benessere quotidiano

Alessio Torelli

E

nel X e FederlegnoArredo hanno siglato un accordo per sviluppare iniziative nell’ambito del comfort abitativo. La linea di business del Gruppo Enel specializzata nel campo dell’innovazione e delle soluzioni digitali era alla ricerca di una partnership virtuosa con una realtà produttiva affermata e ha firmato un’intesa con la Federazione italiana delle industrie del legno, del sughero, del mobile, dell’arredamento e dell’illuminazione.

La società di servizi energetici punta ad accelerare la transizione verso la mobilità sostenibile, favorire la consapevolezza nella gestione dei consumi, implementare lo stoccaggio di elettricità da fonti rinnovabili. Questa vocazione all’impiego responsabile ed intelligente delle risorse incontra l’impegno della filiera italiana del legno-arredo, in attività dal 1945, per incoraggiare l'imprenditoria del settore e fornire un supporto nei processi di adattamento ai cambiamenti del mercato.

Lo scopo è quello di valorizzare le rispettive competenze e coinvolgere le aziende in progetti comuni di promozione e aumento della competitività del made in Italy.

Dalla cooperazione appena avviata, la multinazionale della fornitura elettrica e di gas metano auspica di offrire un contributo in termini di ricerca e sviluppo, per la messa a punto di nuovi strumenti e proposte nel campo della green energy ad alta efficienza. Sebastiano Cerullo, direttore generale di FederlegnoArredo, parla di sostenibilità a 360 gradi e sottolinea la rilevanza del tema “circolarità” nell’ambito di una qualsiasi strategia economica odierna.

La definizione di soluzioni tecnologicamente all’avanguardia integrate passa quindi attraverso il dialogo e il confronto diretto tra produttori e fornitori. Entrambe le parti si aspettano di registrare un aumento degli input per il miglioramento del wellness sociale e della tutela dell’ambiente, nonché della qualità dei servizi offerti ai consumatori.

“L’obiettivo che ci poniamo – spiega Alessio Torelli, Responsabile di Enel X Italia – è di anticipare le sfide delle aziende, per renderle più competitive, più smart e riconoscibili. Intercettare i bisogni delle persone, per favorire il benessere quotidiano”.

In agenda, un programma di azioni per il sostegno e il potenziamento degli incentivi a favore della riqualificazione energetica degli edifici residenziali, industriali e pubblici. Il piano “Vivi Meglio” è al primo posto nella lista: un’offerta sugli interventi che contribuiscono alla riduzione dei consumi. Costi ridotti per la sostituzione della caldaia condominiale, lavori di termoregolazione, opere di isolamento con cappotto termico e per l’installazione d’infissi a bassa emissione. Agevolate anche le spese sostenute per misure antisismiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Cavallerizza Reale, il team di Cino Zucchi vince (Lacaton&Vassal resta in pista)
La casa dello studente diffusa: servizi digitali per alloggi certificati
Andrea Tabocchini, il decollo con le scuole Futura e il Museo Egizio
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro