Benessere e vita sana a Bruzzano: gli ingredienti del masterplan UNStudio per Unipol

18-05-21   I   | Lettura : 3 Minuti

Lo studio olandese insieme alla sua UNSense si è aggiudicato il concorso nella periferia a Nord di Milano

Per raggiungere l'inclusività e l'accessibilità a livello di quartiere si è immaginato un ecosistema in cui persone, natura e tecnologia vivono in simbiosi.

UNStudio

U

NStudio e UNSense sbarcano in Italia per un nuovo quartiere urbano intergenerazionale dedicato alla salute. Lo studio olandese si è aggiudicato la competizione promossa da Unipol per un’area a Bruzzano, e in queste ore ha svelato i primi dettagli di un’operazione che riguarda un sito di 135mila mq, dove è previsto un insediamento di 76mila mq di superficie. Un masterplan con un mix funzionale che include residenze, negozi e attività e servizi per il cosiddetto “Healthcare”.


UNStudio ha lavorato in partnership con SBGA come local design partner, con Systematica per la mobilità, Land per il paesaggio, Manens-Tifs per la sostenibilità e Gad per il controllo dei costi. La parte visual è di Drama.


Siamo in un distretto nella periferia a Nord di Milano, dove Unipol conta di investire in un progetto che propone una forte integrazione nell’ambito dell’area metropolitana milanese e con un concept studiato per un futuro sostenibile e resiliente della città.

“L'obiettivo della nostra proposta – racconta UNStudio che oggi ha svelato il suo progetto attraverso i suoi canali social – è quello di imparare dalle condizioni esistenti, e trasformarle in opportunità, dando forma ad un nuovo quartiere con una forte identità e un maggiore senso di sicurezza e protezione. Il progetto UNStudio per il masterplan di Bruzzano si propone di incentivare la crescita di una nuova comunità dove salute, natura e persone siano al centro del progetto urbano. Con questo – spiegano – miriamo ad avviare una nuova rinascita della vita urbana di periferia, incentrata sul benessere e su una vita sana”.


Per raggiungere l'inclusività e l'accessibilità a livello di quartiere si è immaginato un ecosistema in cui persone, natura e tecnologia vivono in simbiosi. Obiettivo che passa per tre slogan: Nurture-Nature, Inclusive Neighbourhood e Care Communities.


In primo luogo, il progetto guarda allo sviluppo di un ambiente costruito che influisca su decisioni comportamentali sane e spazi pubblici che promuovano emozioni positive. Il programma UNStudio integra natura e vita umana, ma anche le diverse fasce generazionali e sociali, con l'intenzione di ampliare la diversità. Ancora, si pensa all’idea di “Comunità di cura” che sappiano integrare una vita sana, l’assistenza sanitaria, la tecnologia e le connessioni con la comunità. La presenza di un ospedale sul sito, ad esempio, innesca il concetto di una cosiddetta “Care Community” basata su salute, cura e benessere: una qualità sociale della vita inedita, e che può essere definita dalla progettazione urbana (e che fa tesoro delle riflessioni del post-pandemia).

I confini tra ospedali tradizionali e ambienti più confortevoli per ricevere servizi sanitari stanno diventando più fluidi. A Bruzzano, insieme a UNSense, si conta di introdurre una nuova tipologia flessibile di “Comunità di cura”, dando vita ad un distretto decentralizzato a tema sanitario, con tecnologia che avvicina ai servizi sanitari agli utenti finali e incoraggia scelte di vita salutari come parte della vita quotidiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Scalo di Porta Romana, dentro il cantiere del Villaggio olimpico
Dopo il concorso il Ptfe. Tra un anno il cantiere del Parco della Giustizia di Bari
Expo 2030 a Roma: un progetto da 50 miliardi per l’Italia
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro