0
scuole per studio Settanta7

Scuola e Pnrr. Cosa dicono le classifiche provvisorie del maxi-concorso

Tra codici alfanumerici e nomi propri di persona, la mappa Futura di chi ha creduto ed è stato riconosciuto


O

perastudio, Vittorio Grassi, Gianluca Peluffo, Modus Architects, Archisbang, e poi Denara e Stefano Scalabrino tra i giovani. Ecco chi sono gli studi italiani che, secondo le classifiche provvisorie sono stati scelti per firmare le scuole finanziate dal Pnrr. Nessuno studio internazionale.

Il bottino più importante, una volta confermate le graduatorie, lo porteranno a casa la società Settanta7 con 7 scuole e il giovane architetto campano Sossio De Vita con 6 prime posizioni.

Aspettando le classifiche definitive, ecco la nuova geografia dell’architettura scolastica italiana.

Paola Pierotti

scuole

Tre scuole per Amaa. Alleanza con i colleghi che condividono le battaglie

I concorsi e la ricerca applicata. Teoria, ordine e risultato, prendendosi cura dell’idea
L

a giovane architettura italiana al test dei concorsi. Amaa commenta il posizionamento per tre scuole dalle graduatorie provvisorie del Ministero dell'Istruzione con Futura. “L’esperienza in un territorio altro e lontano, come quello giapponese - il racconto di Marcello Galiotto e Alessandra Rampazzo - ci ha insegnato che è nel guardare oltre che si può fare la differenza: la vera sfida è cercare di spostare questi confini, pur nel rispetto della regola”.

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Peluffo su Futura: grande rivincita per i giovani, coinvolgere il territorio sulle scelte

Il punto dell’architetto ligure sul maxi-concorso per le scuole. «Era doveroso impegnarsi, per fretta il nuovo Codice non stravolga l’iniziativa»
P

rimo aspetto importante è quello che tra le centinaia di nomi fra vincitori e selezionati sembrano figurare molti giovani di valore. Loro sono il futuro, su cui puntare». Gianluca Peluffo, in pole per tre scuole commenta le classifiche provvisorie del concorso Futura e aggiunge «la necessità di completare lo studio di fattibilità speriamo possa limitare la principale problematica di questo concorso, ovvero la totale esclusione del territorio coinvolto nelle scelte dei progetti».

Nuovo complesso scolastico di Centrale – Grumolo Pedemonte, Zugliano (Vicenza, Italia). Progetto di Gianluca Peluffo con Diego Peruzzo, Sandro Cavaleri e 5piu1 © Preto Loris

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Grassi: prendersi dei rischi per trovare soluzioni migliori

Il punto post-Futura. I concorsi? Procurement e sviluppo di idee innovative
Q

ual è l'identikit di un concorso serio? Il punto di vista di Vittorio Grassi raccolto a margine dell'esperienza Futura sulle scuole. "Bene le iniziative che hanno le gambe per arrivare fino alla realizzazione e all’utilizzo; i concorsi possono diventare occasioni di lavoro reali; sono strumenti per la ricerca e lo sviluppo di idee innovative".

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Cardinale: con i concorsi si torna a far parlare la creatività dell’ingegneria

Strutture e impianti, innovazione nei materiali e digitalizzazione. Il contributo di Gpa nella progettazione delle scuole
L

e scuole sono un tema da studi di architettura o da società di ingegneria? Il punto di vista di Giovanni Cardinale, co-fondatore GPA Partners (con tre prime posizioni nel concorso Futura per le 212 scuole del Ministero dell'Istruzione, da graduatorie provvisorie).

“Incentivare la collaborazione tra architettura e quell’ingegneria abituata a pensare in termini di progetto di architettura”. E ancora “soprattutto nella prima fase dei concorsi è necessario tornare a fare parlare la creatività dell’ingegneria delle strutture e degli impianti”.

la residenza universitaria in via Attendolo Sforza © Gpa

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

Senza muri e pronta per il riciclo, ecco la scuola di Conegliano di C+S

Nel trevigiano, approvato l’esecutivo dell’istituto finanziato con quota di risorse Pnrr
U

na scuola completamente trasparente, una metafora per la costruzione di una comunità multietnica e multiculturale. Dieci aule per 250 studenti, a pianta circolare, su un unico livello. Niente pareti, con struttura in acciaio, già pensata per essere riciclabile a fine vita. Questo il concept della nuova scuola Rodari di Parè di Conegliano, nel trevigiano – progetto approvato per un costo di 5,3 milioni di euro anche con risorse Pnrr - firmato da C+S Architects di Carlo Cappai e Maria Alessandra Segantini. Grazie all’utilizzo di energie alternative, l’edificio sarà in classe energetica nZEB.

Paola Pierotti
approfondisci

5 Luglio 2019    Francesco Fantera    Lettura : 3 minuti

A Bologna per la Staveco decolla il maxi-concorso con incarico da 7,5 milioni

Un parco della giustizia in un’area di 9 ettari con 50 edifici. Premio da 110mila euro

C

ome per Perugia, Agenzia del Demanio sceglie la strada del Pfte rafforzato. Al via il maxi concorso per il nuovo Parco della Giustizia nell'ex Staveco, 9 ettari con 50 edifici.

Premio da 110mila euro. Al vincitore andrà un incarico per la progettazione da 7,5 milioni di euro.

Redazione
Approfondisci

Iscriviti alla nostra newsletter
Unisciti alla nostra community

News

27 Novembre 2018    Redazione    Lettura : 3 minuti

Yacht design, gioco di squadra tra ricercatori, imprenditori e progettisti

Flessibilità e adattabilità al lavoro in team sono quindi entrate a far parte delle caratteristiche necessarie per emergere nel mondo dello yacht design

Yacht e architettura. Per i non addetti ai lavori due mondi distanti e senza punti di contatto; per i progettisti, un settore ricco di opportunità che da sempre vede la commistione di più professionalità, fra le quali spicca quella dell’architetto.

Approfondisci

3 Marzo 2019    Redazione    Lettura : 5 minuti

Dalla città di Prato al caso ENI, cosa può fare chi punta sul driver della circolarità

Al Festival della città toscana, idee, storie e best practice che coinvolgono pubblico e privato.

Recò Festival è l’occasione per rimettere le città, con i loro contenuti e contenitori, al centro dell’agenda politica. «La manifestazione del 15 marzo, Global strike for Future – ha commentato l’europarlamentare Simonà Bonafè tra gli autori del nuovo pacchetto normativo Ue – ha riacceso un faro sull’urgenza drammatica delle questioni che riguardano la sostenibilità ambientale.

Capita che troppo spesso si parli di economia circolare a sproposito.

Bisogna cambiare approccio in tutto, per dare vita ad un nuovo sistema di produzione. Se ci si limita a considerare questo argomento nell’ambito di una politica dei rifiuti perdiamo l’ultimo treno. Grazie all’innovazione tecnologica, la circolarità può essere l’unico driver per una politica industriale sostenibile».

Approfondisci

29 Marzo 2019    Elena Pasquini    Lettura : 2 minuti

Non solo investitori: il Mipim dei professionisti

Dai progettisti agli avvocati tra barche, presentazioni e soluzioni interattive tra gli stand del Palais du Festival

La contaminazione è di casa al Palais du Festival di Cannes nei giorni del Mipim: professioni, ruoli, territori, mission e vision. Nazioni, città, studi di progettazione nei padiglioni della kermesse internazionale si alternano alle catene alberghiere, ai rappresentati delle università e agli studi legali. Nel porto turistico sono numerosi gli yacht attraccati su cui sventolano le […]

Approfondisci