02-02-2023 Luigi Rucco 2 minuti

La casa dello studente diffusa: servizi digitali per alloggi certificati

Sefea Impact e Coopfond sostengono il progetto di co-living studentesco ideato da Homa

Un progetto ideato per enti e atenei che vogliono attivare un database di alloggi a disposizione degli studenti sull’intero territorio nazionale. “La casa dello studente diffusa” è un’iniziativa di Homa, società cooperativa di produzione e lavoro, con sede a Lecce, che si occupa di innovare e digitalizzare il mercato degli affitti per studenti e giovani lavoratori.

Sefea Impact sgr spa, assistita dallo studio legale e tributario MDA, e Coopfond spa, fondo mutualistico per la promozione cooperativa di Legacoop, sostengono il progetto con un investimento pari a 715mila euro. Il fondo Sì di Sefea Impact, che è stato assistito da due avvocati veneti Alessio Vianello e Massimiliano di Fabio dello studio legale MDA, conta un portafoglio di 32 investimenti deliberati e distribuiti su tutto il territorio nazionale per un valore totale di 26,9 milioni di euro, di cui 16,1 già erogati.

«Il progetto è caratterizzato da un elevato livello di innovazione ed è in grado di generare sensibili impatti sociali ed ambientali. Il supporto relazionale e finanziario della rete cooperativa – racconta Massimo Giusti, presidente e ad di Sefea Impact – rende interessante l’iniziativa promossa da Homa e perfettamente in linea con gli obiettivi del fondo Sì. A questo si aggiunge un modello imprenditoriale innovativo e scalabile, collegato alla creazione di una comunità di inquilini e proprietari integrata nel tessuto urbano, che contribuisce così alla riqualificazione urbanistica delle città».


Fondata nel 2013 da tre studenti universitari, Homa vuole espandere il proprio raggio d’azione supportando anche gli studenti internazionali nella ricerca abitativa.


Con il progetto “La Casa dello Studente Diffusa” si parte da 13 città italiane: Bergamo, Milano, Torino, Brescia, Como, Varese, Firenze, Pisa, Siena, Bari, Lecce, Foggia e Taranto. Verrà inoltre ampliata una delle linee di business, “il vuoto per pieno”, che consiste nella locazione di appartamenti di proprietà di privati, nella conseguente sub-locazione ad inquilini-studenti e nella gestione di residenze universitarie.

«Concludere l'operazione di investimento con due fondi come Sefea Impact e Coopfond è un passo determinante per il prosieguo della crescita di HOMA», afferma Carlo Monticelli, presidente della società Homa. «Dopo il primo round di finanziamento concluso con Avanzi Etica Sicaf Euveca S.P.A. nel dicembre 2020, a distanza di due anni abbiamo concluso questo seconda azione di investimento che permette di imporci tra i primi player in Italia nel settore dello student housing e del mercato del property management, grazie ad una visione innovativa e una progettualità diffusa da anni sul territorio nazionale. Queste partnership assumono un valore strategico per cogliere nuove opportunità in Italia in un periodo di grande fermento per il settore dovuto ai nuovi investimenti del Pnrr per la residenzialità studentesca».

In copertina rielaborazione di immagine, fonte © Coopfond © Homa

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luigi Rucco
Articoli Correlati
  • Architettura stampata in 3D. Sarà una vera rivoluzione?

  • Idrogeno per barche in 25 porti italiani, grazie a NatPower H e Zaha Hadid Architects

  • Il futuro dell’edilizia passa per il Dfma. L’industria rimette al centro il progetto

  • Sostenibilità degli edifici, un nuovo sistema per misurare l’impronta carbonica