Inaugurato Cirfood district, centro di ricerca che studia la ristorazione del futuro

28-10-2022 Fabrizio Di Ernesto 2 minuti

Realizzata a Reggio Emilia la struttura progettata da Iotti + Pavarani Architetti e Studio LSA

Nel cuore della food valley, a Reggio Emilia, è stato inaugurato Cirfood district, il nuovo centro di ricerca e innovazione per la progettazione e la sperimentazione di nuove soluzioni capaci di generare valore per la collettività e benessere per i consumatori di oggi e domani, cogliendo le sfide della nutrizione e della ristorazione del futuro. 

A progettare la struttura Iotti + Pavarani Architetti e Studio LSA, che hanno immaginato uno spazio polifunzionale, sostenibile e con un design innovativo, nel quale potranno essere simulati diversi ambienti della ristorazione. Un luogo dove studiare e osservare il comportamento dei consumatori, dare spazio alla formazione, elaborare ricette, tecniche di cottura, nuove alternative per il packaging, far testare alle aziende avanzate soluzioni per la pausa pranzo e condividere con le scuole la cultura del cibo. 


“Taste the Future” sarà la filosofia che caratterizzerà ogni attività e spazio dell’edificio.


Nel corso dell’evento si è svolta una tavola rotonda che ha visto la partecipazione di Chiara Nasi, presidente di Cirfood, Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, Paolo De Castro, europarlamentare, e Ferruccio Resta, presidente Crui e rettore del Politecnico di Milano.

Soddisfazione è stata espressa dalla Nasi che ha definito Cirfood «Un centro all’interno del quale partner, scuole, enti, start-up, aziende e università potranno contribuire concretamente a immaginare la ristorazione del futuro e a progettare soluzioni in grado di incrementare il benessere delle persone e del Pianeta».

Nelle intenzioni dei promotori, sarà uno spazio unico nel suo genere, tra i pochi in Italia e in Europa con un sistema integrato di ricerca gastronomica (composto da laboratorio sensoriale, cucina e ristorante sperimentale) realizzato con la collaborazione dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cn). Offrirà a tutti coloro che vogliono co-innovare e cooperare una piattaforma partecipativa su progetti di ricerca applicata, attraverso iniziative ad hoc rivolte a enti e aziende, eventi ed esperienze con università e scuole per conoscere e approfondire le nuove frontiere della nutrizione e le esigenze della società. 

Foto di copertina © Cirfood district

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Di Ernesto
Articoli Correlati
  • Architettura stampata in 3D. Sarà una vera rivoluzione?

  • Idrogeno per barche in 25 porti italiani, grazie a NatPower H e Zaha Hadid Architects

  • Il futuro dell’edilizia passa per il Dfma. L’industria rimette al centro il progetto

  • Sostenibilità degli edifici, un nuovo sistema per misurare l’impronta carbonica