È sempre Londra la città europea più social

17-03-22   I   | Lettura : 2 Minuti

Uno studio di Ing media stila la classifica che vede subito dopo Parigi, Madrid e Roma
S

econdo il rapporto Europe's most talked about cities, illustrato da Ing media al Mipim in corso a Cannes, anche nel 2021 è stata Londra la città europea con più visibilità digitale. Secondo i dati raccolti dagli analisti la capitale inglese ha battuto di poco la concorrenza di Parigi; a completare le prime cinque posizioni Madrid, Roma e Barcellona.

Da notare come la metropoli britannica sia prima, sempre davanti a quella francese, in tutti e cinque gli argomenti chiave: cultura, talento, tecnologia, business e sostenibilità.

A livello di nazioni a dominare è il Regno unito, seguito da Spagna e Francia; l’Italia è solo quarta mentre a sorpresa la Turchia fa meglio della Germania.

Lo studio analizza nel dettaglio il modo in cui i grandi centri europei ottengono visibilità in rete analizzando i social e le notizie online. Quest’anno, a differenza del passato, sono stati analizzati anche i dati provenienti dalle piattaforme TikTok e Twich.

Il rapporto, giunto alla quarta edizione, punta ad aiutare gli amministratori locali a valutare l’impatto e il peso online del “marchio” città.

Dai dati contenuti nel rapporto si evidenzia come Londra e Parigi monopolizzino le discussioni digitali essendo presenti in oltre il 25% di quelle riguardanti le prime 60 città del Vecchio continente.

Tra le città che sono diventate “più social” da segnalare Valencia che ha guadagnato ben 20 posizioni e Glasgow che, sfruttando la visibilità legata alla Cop26 – la conferenza Onu sui cambiamenti climatici –, avanza di 12 posizioni.

Gli analisti di Ing sottolineano anche come la Cop26 abbia permesso al tema della sostenibilità di prendere il posto del business e della tecnologia diventando l'argomento più discusso in tutte le 60 città, dimostrando la crescente rilevanza e urgenza di affrontare il cambiamento climatico. Inoltre, il traffico online generato dalla conferenza nella città scozzese ribadisce come i grandi centri abbiano ormai un ruolo cruciale nel guidare gli eventi globali, ma anche come le discussioni in rete siano state importanti per aumentare la consapevolezza sulle questioni chiave relative al cambiamento climatico e alla sostenibilità tanto quanto le discussioni all'interno del centro conferenze.

Leanne Tritton, amministratore delegato di ING, ha dichiarato: «La nostra ricerca negli ultimi quattro anni ha mostrato quanto sia importante la visibilità digitale nell'influenzare gli investimenti, attrarre talenti e turismo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Reggio Emilia, Italo Rota riscrive il concetto di museo partecipato
Locanda Officina Monumentale: da cascina a hub per gli artigiani 4.0
Architettura per i giovani. Pronto il Rondò dei Talenti a firma cm2 associati
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro