Mercato e luogo di incontro. Apre SuperHub a Meerstad in Olanda

16-11-22   I   | Lettura : 2 Minuti

La struttura è stata progettata da De Zwarte Hond con l’obiettivo di durare nel tempo anche cambiando utilizzo
È

stato inaugurato lo scorso 2 novembre il SuperHub di Meerstad, nella contea olandese di Groningen, il centro commerciale progettato dallo studio De Zwarte Hond, su incarico di Mwpo, che offre alla comunità un nuovo spazio sociale multifunzionale.

La zona, immersa nel verde, si sviluppa nei pressi del lago Woldmeer attorno al quale nei prossimi anni è prevista la costruzione di un intero quartiere con 5mila nuove case. In vista di questo intervento, si vuole evitare di snaturare il carattere residenziale dell’area rafforzando i punti di incontro a beneficio di chi la abita, con un occhio alla sostenibilità in armonia con l’ambiente e il paesaggio.

Il centro, che attualmente ospita un supermercato e una caffetteria, rappresenta una versione moderna e circolare di un mercato tradizionale: ampio e trasparente, con una struttura portante composta interamente da colonne e travi in legno lamellare a forma di croce, che conferiscono all'edificio un aspetto simile a una cattedrale. La copertura, che si estende per oltre cinque metri, accompagna la struttura verso il verde circostante grazie all’uso di colonne e capriate in legno a rete. L'ampia campata e l'altezza del soffitto di nove metri, inoltre, creano uno spazio eccezionalmente luminoso.


Su tetto della struttura sono state poste anche delle piccole piante per attirare api ed altri insetti tutelando così la biodiversità.


Pensato per essere al tempo stesso un mercato ed un centro commerciale, l’edificio è stato studiato e realizzato per durare nel tempo anche attraverso futuri adeguamenti o integrazioni; il layout flessibile e aperto consente, infatti, di reinventare le sue funzioni insieme alle mutevoli esigenze della comunità. L’obiettivo è quello di evitare il possibile abbandono della struttura perché obsoleta o la potenziale demolizione; il centro è stato progettato in modo tale da poter assorbire e resistere alle vibrazioni dei terremoti di Groningen. All’occorrenza, quindi, la struttura potrebbe facilmente rigenerarsi in centro per la comunità, museo o anche in condominio, il tutto accompagnando la crescita del quartiere.

Sul tetto, oltre ai pannelli solari per la produzione di energia rinnovabile, sono state poste anche delle piccole piante in grado attirare api ed altri insetti col fine di tutelare la natura e la biodiversità.

In una nota i progettisti spiegano che l’obiettivo era quello di fare del centro «sia un luogo dove dove fare la spesa ma anche fruibile per incontrarsi e fare comunità».

Foto di copertina © Ronald Tilleman

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Reggio Emilia, Italo Rota riscrive il concetto di museo partecipato
Locanda Officina Monumentale: da cascina a hub per gli artigiani 4.0
Architettura per i giovani. Pronto il Rondò dei Talenti a firma cm2 associati
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro