Milano, nel quartiere NoLo si sperimenta il format immobiliare “City Pop”

13-07-20   I   | Lettura : 3 Minuti

Ex immobile Unipol convertito da hotel in 300 alloggi smart. Iniziativa promossa dall’immobiliare svizzera Artisa

«L’obiettivo di Artisa è quello di realizzare in Italia duemila appartamenti con il concetto City Pop entro il 2022 e 15mila in tutta Europa entro il 2025, così da costruire la prima rete transnazionale dedicata al micro living, basata su una piattaforma digitale proprietaria che grazie all’intelligenza artificiale la rende intuitiva e facilmente utilizzabile»

Stefano Artioli

C

ity Pop è un nuovo modo di abitare che si fonda su un concetto innovativo, soprattutto per gli italiani: “la casa come servizio”.
L’idea è dell’immobiliare svizzera Artisa, società di sviluppo immobiliare che a oggi vanta sedi in diverse nazioni europee e che ha concluso lo scorso 6 luglio il suo primo investimento in Italia. La società ha infatti stipulato un contratto preliminare per l’acquisizione di uno stabile di 15mila mq in viale Monza a Milano, precedentemente proprietà del Gruppo Unipol. L'intento di Artisa è quello di trasformare l’edificio esistente (un hotel) in un nuovo concetto abitativo che risponda alle mutate esigenze della società: 300 appartamenti ottimizzati negli spazi e completamente arredati per affitti a medio e lungo termine, in un quartiere in via di sviluppo com’è NoLo. Il progetto prevede inoltre spazi ricreativi e commerciali e posti auto interrati a supporto degli appartamenti. Un investimento di oltre 30 milioni di euro che darà vita entro il 2021 al primo edificio City Pop italiano.


Il format è ad oggi presente in Svizzera a Zurigo e Lugano, anche se è già previsto un piano di aperture a lungo termine che oltre al capoluogo lombardo prevedrà altri interventi anche a Berna, Losanna, Ginevra, Berlino e Basilea.


«L’obiettivo di Artisa è quello di realizzare in Italia duemila appartamenti con il concetto City Pop entro il 2022 e 15mila in tutta Europa entro il 2025, così da costruire la prima rete transnazionale dedicata al micro living, basata su una piattaforma digitale proprietaria che grazie all’intelligenza artificiale la rende intuitiva e facilmente utilizzabile» ha dichiarato Stefano Artioli, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Artisa Group.


Gli appartamenti City Pop, completamente arredati e con una metratura che varia dai 25 ai 60 mq, possono essere affittati per periodi che vanno dalle 4 alle 52 settimane: la prenotazione avviene tramite app dedicata.


Il target a cui è rivolto il progetto sono lavoratori che si spostano frequentemente, studenti, o coppie. I contratti sono flessibili e dinamici, pensati per adattarsi alle diverse categorie di city-users, e le abitazioni sono tutte situate in posizioni strategiche, vicine alle infrastrutture del trasporto pubblico e a luoghi di interesse. «Il canone di affitto mensile, altro punto di forza del format, risulta competitivo rispetto al mercato locale di riferimento – si legge nella nota di Artisa –  senza dover rinunciare a quei parametri di qualità che offrirebbe un classico hotel a 4 stelle».

Ecco che il primo City Pop italiano del Bel Paese sorgerà nel cuore di NoLo, un quartiere che negli ultimi anni è stato caratterizzato da una domanda in forte crescita: l’edificio si trova in un’area che rispecchia appieno la filosofia del brand, essendo ben collegata alla città grazie alla vicinissima fermata Turro della Linea 1 della Metropolitana Milanese.

Grazie ad approfonditi studi di “neuro-architettura”, gli spazi sono ottimizzati per garantire un’offerta all-in-one, che possa al contempo permettere di rilassarsi, ma anche di lavorare, nel massimo comfort. Utenze, colazione e wifi sono inclusi. In aggiunta all’offerta base vengono messi a disposizione alcuni servizi “on demand” – come lavanderia, noleggio bici, minimarket privato, car sharing, spazi co-working, assicurazione sanitaria e magazzini agili – anch’essi prenotatili tramite l’applicazione, per un’assistenza continua 24/7.

Nell’ottica di un ulteriore ampliamento internazionale, Artisa ha da poco acquisito un immobile a Praga di circa 4mila mq, a pochi metri dalla centralissima Piazza Venceslao. I lavori saranno realizzati nel rispetto dell’immobile – protetto dal vincolo dell’Unesco in quanto bene storico in memoria dell’eroe nazionale Jan Palach – e si concluderanno a marzo 2022 con la realizzazione di 108 appartamenti.

Foto in copertina: interno di un City Pop di Lugano. © City Pop – City Pop AG

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Cavallerizza Reale, il team di Cino Zucchi vince (Lacaton&Vassal resta in pista)
La casa dello studente diffusa: servizi digitali per alloggi certificati
Andrea Tabocchini, il decollo con le scuole Futura e il Museo Egizio
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro