24-05-2022 Redazione 2 minuti

Porta Romana, ultimo atto per il Programma integrato di intervento

Tra le novità una distribuzione più omogenea delle volumetrie e un incremento degli spazi pubblici

Il fondo di investimento immobiliare “Porta Romana” – promosso e gestito da Coima sgr e sottoscritto da Covivio, Prada Holding e dal fondo Coima Esg city impact – in accordo con il Gruppo FS italiane, ha depositato al Comune di Milano la proposta definitiva di programma integrato di intervento (Pii) del masterplan di rigenerazione dell’omonimo scalo meneghino.

Il Pii conferma come l’integrazione tra natura e città siano i punti chiave del Parco Romana, l'innovativo progetto di rigenerazione dello scalo di Porta Romana che include spazi verdi, costruzioni sostenibili e il Villaggio Olimpico che dopo le Olimpiadi del 2026 verrà riconvertito in studentato.Render © Porta Romana

Il documento è stato stilato seguendo le linee guida indicate da Palazzo Marino e le osservazioni emerse dopo il confronto pubblico tra cittadini, istituzioni e promotori a valle della consultazione pubblica avviata il 31 marzo e terminata il 14 aprile dello scorso anno in ottemperanza all’Accordo di Programma sugli Scali.


Parco Romana vuole ricucire il tessuto urbano che l’attività industriale dello Scalo ha interrotto, connettendo il nucleo centrale di Milano all’hinterland metropolitano.


Le novità principali, rispetto al precedente masterplan, riguardano una distribuzione più omogenea delle volumetrie ed un incremento degli spazi pubblici. Il parco centrale, ad esempio, è stato esteso con due passeggiate, una a nord e l’altra a sud, come elemento in grado di favorire la continuità urbana e le connessioni pedonali e ciclabili con la città, si rafforza il ruolo delle eco-zone, corridoi verdi che potranno ospitare attrezzature anche di interesse pubblico, delle piazze pubbliche e della Foresta sospesa. La piazza sopraelevata del distretto Lodi è stata ulteriormente integrata in termini di connessioni nord-sud, di continuità con le eco-zone e di collegamento con Corso Lodi, con la stazione della metropolitana e con il passante ferroviario.

Render © Porta Romana

Per quanto riguarda invece il Villaggio olimpico la bonifica dell’area prescelta è stata completata secondo il cronoprogramma stilato nell’ottobre del 2021 con la previsione di avviare le attività successive nel secondo semestre 2022 dopo il perfezionamento dei titoli edilizi e degli accordi propedeutici con il Comune.

Parco Romana punta infatti a ricucire il tessuto urbano che l’attività industriale dello Scalo ha interrotto per oltre un secolo, connettendo il nucleo centrale di Milano all’hinterland metropolitano. Grazie a servizi diffusi, piazze e piani terra aperti al pubblico, aree verdi ed esercizi commerciali, Parco Romana sarà uno spazio fluido e vitale caratterizzato da zone residenziali (in particolare a ovest) e servizi terzi (soprattutto a est).

In copertina: Render © Porta Romana

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Articoli Correlati
  • La nuova vita dei cantieri navali di Pietra Ligure

  • Il futuro delle città: parte da Verona la riflessione del Cnappc

  • Intesa Cdp Real Asset Sgr-Finint Investments: in arrivo 800 nuovi posti letto per universitari

  • Milano già guarda alla seconda vita delle strutture olimpiche