Risorse dal Mic per essere protagonisti del Festival Architettura

05-09-2022 Redazione 2 minuti

Il bando, con scadenza 30 settembre, punta su qualità, internazionalizzazione e sostenibilità

Si terrà dal 15 al 30 aprile 2023 la seconda edizione del Festival Architettura all’insegna di qualità, internazionalizzazione e sostenibilità. Lo prevede il bando, con scadenza 30 settembre, lanciato dal Ministero della Cultura, che ha stanziato per l’evento 910mila euro. L’iniziativa è stata promossa dalla Direzione generale creatività contemporanea del dicastero guidato da Dario Franceschini e mira a sostenere, promuovere e valorizzare l’architettura italiana, attraverso il finanziamento di una serie di manifestazioni culturali destinate ad un pubblico esteso. Si punta all’attivazione di processi innovativi e partecipati nell’ambito della rigenerazione urbana.

Le proposte ritenute più interessanti e meritevoli otterranno un finanziamento massimo di 112mila euro destinati a coprire fino all’80% dei costi ammissibili previsti.

Nella precedente edizione, tenutasi nel 2019, sono stati candiati 49 diversi progetti pervenuti da tutta Italia e sono risultati vincitori: BiArch – Bari international archifestival, Comune di Bari; Change – Architecture cities life, Associazione open city Roma; Design for the next community, Comune di Ivrea; Si arch fest – South Italy architecture festival, Fcp Farm cultural park; 2050 Archifest – Abitare il mondo altrimenti, Comune di Colle Val d’Elsa; Rigenera, Ordine Appc di Reggio Emilia; I confini del cambiamento. Cagliari tra terra e acqua. Architettura e luoghi sensibili, Università di Cagliari.


Il Mic ha messo a disposizione 910mila euro. Ogni proposta selezionata riceverà un massimo di 112mila euro che copriranno fino all'80% delle spese ammissibili.


Con questa operazione culturale distribuita a livello nazionale, la rassegna vuole promuovere la conoscenza, la produzione e la ricerca critica e curatoriale di alto livello qualitativo nell’ambito dell’architettura contemporanea, mediante percorsi di condivisione e partecipazione degli stakeholder istituzionali e appartenenti alla cittadinanza attiva, con il supporto di ambiti disciplinari differenti. A livello internazionale si punta, invece, sulla conoscenza e valorizzazione di quella italiana, contemporanea, attraverso l’attivazione di percorsi di studio e formazione oltre alla diffusione di singoli progetti.

Il bando prevede che ogni manifestazione garantisca il coinvolgimento di un pubblico ampio e la costruzione di una rete composta da differenti soggetti (enti locali, associazioni, professionisti, scuole, università, terzo settore). Non solo, le iniziative dovranno tenersi in più zone all’interno in un unico territorio, o in forma itinerante in più siti o ancora contemporaneamente in più aree.

Le attività di internazionalizzazione – che hanno come obiettivo promuovere la mobilità di studiosi o progettisti e la conoscenza dell’architettura italiana contemporanea all’estero, in collaborazione con un’istituzione straniera – dovranno essere realizzate entro e non oltre il 15 ottobre 2023.

I soggetti interessati potranno concorrere singolarmente o in partenariato, presentando la propria proposta attraverso il portale bandi della Dgcc.

Foto di copertina: Banca dei Monte dei Paschi di Siena a Colle Val d’Elsa, opera di Giovanni Michelucci © Cuahutémoc Giancaterino

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Articoli Correlati
  • Ex Fiera di Roma: c’è il bando (cercasi idee)

  • Al team di Bodàr il nuovo parco tra i mari di Milazzo

  • La Cagliari del futuro, un polmone verde tra la città e il mare

  • Nuovo Ospedale Cremona firmato Cucinella. Qualità garantita dal concorso