Risorse dal Mic per essere protagonisti del Festival Architettura

05-09-22   I   | Lettura : 2 Minuti

Il bando, con scadenza 30 settembre, punta su qualità, internazionalizzazione e sostenibilità
S

i terrà dal 15 al 30 aprile 2023 la seconda edizione del Festival Architettura all’insegna di qualità, internazionalizzazione e sostenibilità. Lo prevede il bando, con scadenza 30 settembre, lanciato dal Ministero della Cultura, che ha stanziato per l’evento 910mila euro. L’iniziativa è stata promossa dalla Direzione generale creatività contemporanea del dicastero guidato da Dario Franceschini e mira a sostenere, promuovere e valorizzare l’architettura italiana, attraverso il finanziamento di una serie di manifestazioni culturali destinate ad un pubblico esteso. Si punta all’attivazione di processi innovativi e partecipati nell’ambito della rigenerazione urbana.

Le proposte ritenute più interessanti e meritevoli otterranno un finanziamento massimo di 112mila euro destinati a coprire fino all’80% dei costi ammissibili previsti.

Nella precedente edizione, tenutasi nel 2019, sono stati candiati 49 diversi progetti pervenuti da tutta Italia e sono risultati vincitori: BiArch – Bari international archifestival, Comune di Bari; Change – Architecture cities life, Associazione open city Roma; Design for the next community, Comune di Ivrea; Si arch fest – South Italy architecture festival, Fcp Farm cultural park; 2050 Archifest – Abitare il mondo altrimenti, Comune di Colle Val d’Elsa; Rigenera, Ordine Appc di Reggio Emilia; I confini del cambiamento. Cagliari tra terra e acqua. Architettura e luoghi sensibili, Università di Cagliari.


Il Mic ha messo a disposizione 910mila euro. Ogni proposta selezionata riceverà un massimo di 112mila euro che copriranno fino all'80% delle spese ammissibili.


Con questa operazione culturale distribuita a livello nazionale, la rassegna vuole promuovere la conoscenza, la produzione e la ricerca critica e curatoriale di alto livello qualitativo nell’ambito dell’architettura contemporanea, mediante percorsi di condivisione e partecipazione degli stakeholder istituzionali e appartenenti alla cittadinanza attiva, con il supporto di ambiti disciplinari differenti. A livello internazionale si punta, invece, sulla conoscenza e valorizzazione di quella italiana, contemporanea, attraverso l’attivazione di percorsi di studio e formazione oltre alla diffusione di singoli progetti.

Il bando prevede che ogni manifestazione garantisca il coinvolgimento di un pubblico ampio e la costruzione di una rete composta da differenti soggetti (enti locali, associazioni, professionisti, scuole, università, terzo settore). Non solo, le iniziative dovranno tenersi in più zone all’interno in un unico territorio, o in forma itinerante in più siti o ancora contemporaneamente in più aree.

Le attività di internazionalizzazione – che hanno come obiettivo promuovere la mobilità di studiosi o progettisti e la conoscenza dell’architettura italiana contemporanea all’estero, in collaborazione con un’istituzione straniera – dovranno essere realizzate entro e non oltre il 15 ottobre 2023.

I soggetti interessati potranno concorrere singolarmente o in partenariato, presentando la propria proposta attraverso il portale bandi della Dgcc.

Foto di copertina: Banca dei Monte dei Paschi di Siena a Colle Val d’Elsa, opera di Giovanni Michelucci © Cuahutémoc Giancaterino

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Reggio Emilia, Italo Rota riscrive il concetto di museo partecipato
Locanda Officina Monumentale: da cascina a hub per gli artigiani 4.0
Architettura per i giovani. Pronto il Rondò dei Talenti a firma cm2 associati
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro