12-05-2021 Maria Chiara Sabato 1 minuti

Build Upon2: Brescia, Roma, Pesaro-Urbino e Padova nella rete europea per ridurre le emissioni di Co2

Le Pa misurano i benefici energetici e occupazionali della riqualificazione energetica

«I dati raccolti con gli indicatori di “Build upon2” sono in grado di dimostrare la sostenibilità economica della riqualificazione, facilitando l’accesso a maggiori finanziamenti per la riqualificazione»
Stephen Richardson

Un gruppo di 21 città europee, tra cui 4 italiane, aderiscono al progetto finanziato dall’Unione europea “Build upon2” per testare un insieme di indicatori per la misurazione dei benefici derivati dalla riqualificazione degli edifici. L’insieme di questi indicatori creerà una cornice comune per valutare l’impatto energetico degli ambienti nuovi o rigenerati.

In Italia hanno aderito i Comuni di Brescia, Roma, Pesaro Urbino e Padova che ha contribuito come città pilota a creare il sistema di indicatori.

«I dati che le città stanno raccogliendo con gli indicatori di “Build upon2” – ha detto Stephen Richardson, direttore del Network europeo regionale World Green Building Council – sono in grado di dimostrare la sostenibilità economica della riqualificazione facilitando l’accesso a maggiori finanziamenti per la riqualificazione», ma possono anche stimolare le economie locali e creare posti di lavoro per far ripartire l’economia dopo la pandemia.

Il progetto “Build upon2” supporterà l’Unione europea nell’obiettivo del Green Deal di decarbonizzare il patrimonio edilizio entro il 2050, rafforzando l’efficacia e l’implementazione delle strategie nazionali a lungo termine per la riqualificazione del patrimonio immobiliare.


Le città coinvolte sono le rappresentanti di una tendenza che vede le autorità locali assumere un ruolo di leadership sul cambiamento climatico, spesso con maggiori ambizioni rispetto ai rispettivi governi nazionali.


Attraverso il monitoraggio dei benefici ambientali, sociali ed economici della riqualificazione, questa rete di amministrazioni può dimostrare l'impatto delle migliori pratiche locali alimentando così le strategie nazionali di riqualificazione a lungo termine, obbligatorie per tutti gli Stati membri. 

Il progetto “Build upon2” sarà presentato nella la “Giornata delle città e dell'ambiente costruito” co-convocata dal WorldGBC all’interno del vertice sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite COP26, previsto a novembre 2021. Nei mesi successivi le 21 città parteciperanno a seminari di formazione organizzati dai rispettivi Green Building Council nazionali e Climate Alliance sull’insieme di indicatori e impareranno ad utilizzare il Framework “Build upon2” per raccogliere i dati sull'impatto dei loro progetti di riqualificazione.

In copertina: foto di djedj, da Pixabay

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Maria Chiara Sabato
Articoli Correlati
  • Rigenerazione urbana, la lezione delle ex Reggiane spiegata dal sindaco

  • A2A Headquarters, Milano, render by ACPV ARCHITECTS

    Tutti gli ingredienti di un buon progetto. Intervista a Patricia Viel

  • Rigenerazione più coraggiosa per le periferie, Rampelli: «Stop al dogma del consumo di suolo»

  • Con l’architettura, per prendersi cura delle città