Con Enel Cuore cambiano look gli spazi pubblici del liceo Artistofane di Roma

28-04-20   I   | Lettura : 2 Minuti

Giovane studio della Capitale guidato da Giuseppe Vultaggio firma il progetto

Un open space dal mix funzionale che si traduce in soluzioni ad hoc per la versatilità degli ambienti e la flessibilità degli usi.

I

l Liceo Classico e Linguistico Aristofane di Roma cambia volto con il design di Giuseppe Vultaggio. Un progetto di rigenerazione e restyling degli interni finanziato da Enel Cuore – Onlus.

Un intervento dall’approccio semplice e vivace – costato 842 euro al metro quadrato – che propone ambienti dinamici nell’estetica e nelle funzioni: colori accesi, arredo modulare e pareti scorrevoli per una nuova dimensione dello studio.

I lavori realizzati in tre mesi hanno trasformato l’atrio e l’aula-teatro dell’edificio scolastico. L’ingresso è stato ripensato per ospitare postazioni per la lettura e l’incontro tra i ragazzi. Un’originale veste grafica interpreta il tema dell’albero in chiave geometrica, valorizzando la struttura portante e definendo visivamente la suddivisione spaziale.

Fulcro dell’intervento il rethink dell’aula-teatro: un open space dal mix funzionale che si traduce in soluzioni ad hoc per la versatilità degli ambienti e la flessibilità degli usi. Sono stati scelti pannelli scorrevoli e pareti attrezzate che consentiranno a studenti e insegnanti di riunirsi in eventi collettivi o di svolgere attività individuali.

Layout fluido con tre micro-aree: una per lo studio, una per la didattica e una per le proiezioni. Presenti anche un punto ristoro – angolo cottura con frigo bar – e un desk reception per il personale scolastico. Alla base del concept la parete attrezzata e l’arredo modulare, componibile e rimovibile: soluzioni che consentono di liberare completamente l’area centrale dell’open space e di sperimentare con l’allestimento degli interni.

La gradonata del vecchio teatro è stata convertita in zona lettura: un’aula con due lati di pannelli scorrevoli in plexiglass – per tutelare la privacy degli studenti garantendo il giusto apporto di luce naturale – e una speciale libreria con sedute integrate che definisce nicchie più raccolte e ideali per la concentrazione.

Parte del progetto anche la valorizzazione degli esterni. Nel giardino sono stati adottati sistemi di arredo tavolo-seduta per leggere all’aria aperta: postazioni studio con strutture circolari di diametro variabile tra 1 e 5 metri.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Roma Caput mundi: presentati i progetti legati al Pnrr
A Roma 3,6 milioni di fondi per l’efficientamento energetico di cinema e teatri
Il settore termale al centro della nuova economia turistica
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro
Lesley Lokko, ecco chi guiderà la Biennale Architettura 2023
Luoghi di produzione e comunità urbane, il focus della Serbia alla Biennale di Venezia