05-04-2022 Redazione 2 minuti

Cultura e intrattenimento, driver per la qualità dell’abitare

Musei, spazi espositivi, cinema, teatri, aree per concerti per 790mila mq, nei progetti Pinqua

Riduzione del disagio abitativo, miglioramento dell’edilizia residenziale pubblica nel segno della sostenibilità e del risparmio energetico, riqualificazione dei parchi. Ma anche miglioramento della qualità della vita delle persone e inclusione sociale, attraverso l’arricchimento culturale. Le decine di progetti selezionati per ricevere i finanziamenti del Pinqua riguardano una superficie complessiva di 14 milioni di metri quadrati e ne destinano poco meno di 790mila a infrastrutture dedicate ad attività culturali (musei, spazi espositivi) e per l’intrattenimento (cinema, teatri, aree per concerti).

In particolare, per quanto riguarda le attività di carattere culturale, sono destinati a tale scopo 363.288 mq, in media 2.285 mq per ciascun progetto. Gli interventi del centro Italia sono quelli in cui si riscontra la percentuale maggiore di superficie destinata a musei e spazi espositivi, il 5,9% contro il 2,7% dei progetti del Nord Italia e l’1,4% del Mezzogiorno. La superficie coperta destinata invece a attività di intrattenimento è pari a 424.807 mq, in media 2.672 mq per ciascun progetto, e anche in questo caso è il centro Italia l’area in cui si riscontra la quota maggiore di superficie destinata a cinema, teatri e spazi per concerti.


Le decine di progetti selezionati per ricevere i finanziamenti del Pinqua riguardano una superficie complessiva di 14 milioni di metri quadrati.


Tra i progetti in ambito culturale figurano, tra gli altri, a Genova la realizzazione di ‘Spazio Faber’ dedicato a Fabrizio De André, con la conversione delle aule attualmente sottoutilizzate di Palazzo Rebuffo-Serra, che diventeranno un hub a vocazione artistica per favorire l’espressione creativa dei giovani, e a Collegno, nella Città Metropolitana di Torino, la riqualificazione del Villaggio Leumann. Altre iniziative sono previste a Perugia, con un progetto che destina 20.366 mq ad attività culturali e prevede un intervento di riqualificazione dell’Ipogeo dei Volumni e della Necropoli del Palazzone per connettere meglio l’area con la città. Ad Ascoli Piceno il progetto finanziato dal PinQua prevede interventi di riqualificazione e restauro conservativo delle Fortezza Porta Pia e delle mura urbiche ovest e la realizzazione del museo virtuale dei piceni per valorizzare il patrimonio artistico culturale con tecniche innovative. A Campobasso, nel quartiere residenziale di San Giovanni dei Gelsi, per favorire l’interazione urbana socio-culturale e architettonica tra il luogo e la sua identità sono previsti percorsi di Street Art e iniziative nel convento di San Giovanni dei Gelsi e nel Teatro greco. Diverse iniziative culturali riguardano la Sicilia, in particolare nei cinque Comuni delle Aci (Acireale, Acicatena, Aci Sant’Antonio, Aci Bonaccorsi e Valverde).

Oltre ai progetti del PinQua, altre iniziative di competenza del Mims riguardano beni demaniali di interesse storico e culturale: lo scorso anno in particolare sono state assegnate ai Provveditorati risorse pari a circa 7,2 milioni di euro per 11 interventi di conservazione e restauro per il periodo 2021-2023 (DM 09/2021 n. 347) e 10,5 milioni per il 2021 da destinare a beni con finalità di culto (DM11/2021 n. 437).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Redazione
Articoli Correlati
  • Il Cnappc riparte dalla rigenerazione urbana con Carlos Moreno

  • Sei immobili del Demanio per Reinventing Cities

  • Boeri: Roma “città-mondo”, ma anche un “mondo di città”

  • Ombre su Pnrr e Giubileo: la lentezza si aggiunge al deficit di risorse