Milano 3.0, la sintesi tra dimensione intima e spazio collettivo

21-04-22   I   | Lettura : 3 Minuti

Venduto il 40% dei 260 alloggi in 6 edifici ex novo

Bilanciare la nuova architettura con l’ambiente costruito e l’ambiente naturale, con le esigenze e i desideri di chi abiterà Milano 3.0 è stato il nostro obiettivo.

Alfonso Femia

C

on la città dei 15 minuti, ogni spazio è organizzato in modo da permettere al cittadino di trovare vicino casa tutto quello di cui ha bisogno, riducendo gli spostamenti con veicoli e riappropriandosi del proprio tempo libero.

Con questa visione prende quota il progetto “Milano 3”: un centro residenziale realizzato fra il 1980 e il 1991 nel comune di Basiglio, caratterizzatosi da subito come una realtà vivace, in grado di offrire un habitat naturale a pochi chilometri da Milano. Il progetto Milano 3.0 - next generation living, sarà un insediamento di nuova costruzione, un intervento residenziale moderno e innovativo caratterizzato da standard architettonici di qualità, con servizi dedicati ai futuri residenti.

L’iniziativa, presentata nel 2021, è promossa da DeA Capital real estate con il Fondo HighGarden, il cui principale investitore è il fondo Orion European real estate fund V. Il ruolo di advisor e partner commerciale del progetto è affidato a Dils.

Render di progetto per Milano 3.0. ©Atelier(s) Alfonso Femia. Immagine ©dils.com

La progettazione integrata e il coordinamento generale sono curati da Starching e l'architettura, la direzione artistica e il concept design sono firmati dall’Atelier(s) Alfonso Femia. Per il paesaggio è in campo l’architetto Michelangelo Pugliese.

«Per noi di DeA Capital real estate questo progetto rappresenta una sfida vinta in un momento oggettivamente complicato. In un luogo che nacque negli anni ‘80 come una sfida innovativa noi portiamo un concept moderno che ne è però la continuazione ideale, l’evoluzione. Milano 3.0 riparte quindi dalle sue radici con un progetto iconico che unisce il pregio architettonico all’evoluzione tecnologica e a un rinnovato e attento rapporto con l’ambiente», ha commentato Renzo Misitano, direttore della divisione sviluppo immobiliare di DeA Capital real estate.

Sei edifici per un totale di circa 260 appartamenti. Un nuovo concept dell’abitare ispirato ad elevati standard di sostenibilità, connettività, sicurezza e innovazione. La progettazione degli edifici tiene conto del basso impatto ambientale e dell’elevata sostenibilità, grazie agli appartamenti che saranno infatti in classe energetica A4, con consumi energetici ridotti e integrati attraverso fonti rinnovabili quali l’energia geotermica e l’energia solare, con apparati fotovoltaici in copertura.


Tra i servizi: una serie di postazioni di ricarica per auto elettriche e una pista ciclopedonale intorno all’intero complesso.


Render di progetto per Milano 3.0. ©Atelier(s) Alfonso Femia. Immagine ©dils.com

«Bilanciare la nuova architettura con l’ambiente costruito e l’ambiente naturale, con le esigenze e i desideri di chi abiterà Milano 3.0 è stato il nostro obiettivo. L’orientamento progettuale non si limita a garantire l’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale, ma approfondisce e risolve il rapporto tra il quotidiano domestico nella dimensione intima della casa e quello collettivo degli spazi comuni. Vicinissima a Milano, la dimensione è quieta e rilassante e l'architettura si innesta come paesaggio nel paesaggio», ha dichiarato l’architetto Alfonso Femia.

«Dall’inizio della commercializzazione iniziata alla fine dello scorso anno, abbiamo già venduto oltre il 40% delle unità ad oggi disponibili. Un ottimo risultato che dimostra come i driver del progetto, quali la centralità della qualità della vita tipica di Milano 3, le tecnologie costruttive all’avanguardia e la dotazione di servizi evoluti in termini di sicurezza, comfort e wellness, rispondano pienamente alle nuove esigenze dell’abitare», ha aggiunto Thomas Guardiani, head of living & residential di Dils.

Grazie alla collaborazione con Milano Contract District, al lavoro su numerose iniziative milanesi compreso l’office mockup per il complesso immobiliare “The Medelan” a Milano, l’interior design sarà curato nei minimi dettagli e personalizzato in base alle esigenze del cliente.

In copertina: render del progetto per il complesso residenziale Milano 3.0. ©Atelier(s) Alfonso Femia. Immagine tratta dal sito dils.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Reggio Emilia, Italo Rota riscrive il concetto di museo partecipato
Locanda Officina Monumentale: da cascina a hub per gli artigiani 4.0
Architettura per i giovani. Pronto il Rondò dei Talenti a firma cm2 associati
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro