19-07-2021 Francesca Fradelloni 1 minuti

Superbonus, un bando (progetto e realizzazione) per innovare l’edilizia pubblica lombarda

Aler, insieme a Regione Lombardia, scende in campo per adeguare il suo patrimonio di housing sociale

Il patrimonio dell’Azienda lombarda edilizia residenziale conta quasi 71mila unità immobiliari. Tra queste, 430 edifici realizzati tra il 1970 e gli anni 2000 sono caratterizzati da carenze manutentive e da dispersione di energia termica

Anche l’edilizia pubblica si rinnova. L’Azienda lombarda di edilizia residenziale (Aler) di Milano insieme all’assessorato alla Casa e Housing sociale di Regione Lombardia, sono in campo per cogliere tutte le opportunità del Superbonus 110 per cento. Il passo successivo è stato quello di avviare una procedura pubblica finalizzata all’affidamento della progettazione esecutiva e della realizzazione degli interventi di efficientamento energetico del patrimonio immobiliare di proprietà di Aler a Milano e provincia mediante meccanismi fiscali. La gara d’appalto mista, mira a trasformare un patrimonio decadente permettendo anche alle imprese di cogliere l’opportunità di partecipare alla riqualificazione del patrimonio pubblico, attraverso questa misura d’incentivazione.


Il patrimonio dell’Azienda lombarda edilizia residenziale conta quasi 71mila unità immobiliari.


Tra queste, 430 edifici realizzati tra il 1970 e gli anni 2000 sono caratterizzati da carenze manutentive e da dispersione di energia termica, con ripercussioni negative sulla qualità abitativa degli stabili ma anche sui consumi, che aumentano traducendosi in maggiori costi per i cittadini.

Un primo intervento è infatti già partito, facendo leva sulle opportunità della super detrazione per un valore di 5,9 milioni di euro. Il cantiere coinvolge lo storico quartiere di via Stamira D’Ancona, dove sono in programma interventi di manutenzione straordinaria che includono la rimozione pannelli solari in disuso, il risanamento dei ferri di armatura della facciata, la realizzazione del cappotto esterno, la sostituzione di tutti i serramenti in ferro con nuovi in alluminio a taglio termico, il rifacimento della copertura con nuovo pacchetto isolante, la realizzazione di sistema di ventilazione meccanica interna agli alloggi e il rifacimento dei percorsi pedonali, oltre che le opere di adeguamento dell’impianto antincendio e la sostituzione di montacarichi e ascensori.

Per Aler Milano i quartieri che necessitano di tali interventi sono: Gratosoglio, l’area a nord est, Baggio, Famagosta, Fulvio Testi e Certosa. Tutto per un futuro sostenibile, questa la ricetta che contribuisce a far ripartire il settore e la filiera in sicurezza e con il risparmio come cifra.

In copertina: immagine tratta dal profilo facebook di Aler

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Francesca Fradelloni
Articoli Correlati
  • Rigenerazione urbana, la lezione delle ex Reggiane spiegata dal sindaco

  • A2A Headquarters, Milano, render by ACPV ARCHITECTS

    Tutti gli ingredienti di un buon progetto. Intervista a Patricia Viel

  • Rigenerazione più coraggiosa per le periferie, Rampelli: «Stop al dogma del consumo di suolo»

  • Con l’architettura, per prendersi cura delle città