15-03-2022 Andrea Nonni 2 minuti

Una piattaforma aperta con soluzioni per l’edilizia circolare

Arup e Ellen MacArthur Foundation: un toolkit per dire come la sostenibilità sia valore aggiunto per la filiera

Arup e la Ellen MacArthur Foundation hanno lanciato il nuovo Circular Economy Toolkit: una piattaforma aperta, costruita con l’intento di dare un contributo nel mettere la circolarità al centro della progettazione degli edifici. Un kit di strumenti che fornisce una strategia pratica e delle soluzioni utili affinché il settore immobiliare possa allinearsi ai principi dell’economia circolare, regolamentando anche la sostenibilità, e facendone un reale e potenziale valore aggiunto.

Come la sostenibilità può ridisegnare il panorama del real estate? Ci si interroga sul tema, con un evento digitale di presentazione, in concomitanza con l’avvio del festival di Cannes dove la filiera dell’immobiliare si dà appuntamento per capire tendenze, progetti e opportunità. La proposta Arup-Ellen MacArthur Foundation è quella di un set di indicazioni ed esempio su come i principi dell’economia circolare possano essere applicati alla progettazione e allo sviluppo degli edifici.

Non mancano casi studio sulle migliori pratiche di progetti recenti a scala internazionali, mettendo in luce diversi concetti di economia circolare: si va da costruzioni temporanee nei Paesi Bassi (il People's Pavilion a Eindhoven), ad un sistema di illuminazione modulare a Seoul (Amorepacific Headquarters) fino a strutture industrializzate a Londra (Sky Believe in Better Building).


Stop al modello di consumo lineare: prendere, produrre e sprecare.


L’ambiente costruito è uno dei principali consumatori di risorse naturali ed è attualmente responsabile di quasi il 50% del consumo di materie prime e di circa il 40% delle emissioni globali di Co2. «Finora il settore si è concentrato quasi esclusivamente sull’efficienza energetica – si legge nella nota di Arup – ma la transizione ecologica è solo una parte della sfida da affrontare. Considerando che la metà delle emissioni globali di gas serra proviene dal cosiddetto ‘carbonio incorporato’ emesso attraverso i processi produttivi e operativi, serve un’economia realmente circolare e progettata per eliminare rifiuti e inquinamento, far circolare prodotti e materiali e rigenerare la natura per affrontare i cambiamenti climatici».

Stop al modello di consumo lineare: prendere, produrre e sprecare. Si punta a ridurre al minimo gli sprechi mantenendo in vita il più a lungo possibile prodotti e materiali, dall’inizio del processo di progettazione.

Sullo sfondo anche il riferimento alla tassonomia europea, per aiutare proprietari, investitori e sviluppatori ad allineare i portafogli immobiliari con le nuove normative, limitando così il rischio di potenziali svalutazioni.

Il modello è già stato sperimentato da Arup con Futur2K in occasione della progettazione e della costruzione di Adpt, un innovativo sistema di costruzione il cui prototipo sarà presentato a Essen, in Germania, il prossimo mese di maggio. «Le parole chiave sono flessibilità e versatilità grazie ad un sistema modulare in legno – spiegano da Arup – ideato per adattarsi a molti usi dal commerciale al residenziale, con planimetrie flessibili che consentono di rispondere a esigenze mutevoli».

«Gli approcci circolari ci consentono di reimmaginare l’edificio come una banca di beni, in modo che i materiali possano essere riutilizzati e rimanere in uso più a lungo. Ci auguriamo che questo toolkit aiuti il settore ad andare oltre le tabelle di marcia e i progetti e renda l'economia circolare una realtà» ha commentato Eva Hinkers, Europe region chair di Arup.

In copertina: preview del Circular Economy Toolkit © Arup

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Nonni
Articoli Correlati
  • Il Pil c’è, gli investimenti immobiliari no: il rebus romano da sciogliere

  • Atenei più sostenibili grazie all’internet of things

  • Rigeneriamo il futuro

    Riqualificazione urbana è anche partecipazione, alleanza Hines-Legambiente

  • jeroen van de water

    Cdp real asset sgr punta sull’Esg con il fondo di fondi “green”