11-07-2016 Paola Pierotti 1 minuti

Come una nuvola, ecco l’Headquarter Lavazza di Cino Zucchi

Che ruolo giocano le immagini per spiegare un progetto di architettura ad un cliente?

“Dimenticheranno cosa hai detto o fatto, ma mai come li hai fatti sentire”. Questa affermazione di Maya Angelou potrebbe essere presa come riferimento generale ogni volta che un architetto presenta un proprio progetto.

Ecco che ad esempio a Torino in Italia, l’architetto milanese Cino Zucchi ha scelto la Nuvola per descrivere e raccontare il nuovo Headquarter del gruppo Lavazza.
La Nuvola come slogan per il marchio del caffè italiano: un richiamo alle linee sinuose della nuova architettura, un’immagine che attira l’attenzione di quanti aspettano una rigenerazione creativa per il quartiere ex industriale in attesa di futuro.

Nonostante i rendering stiano diventando indistinguibili dalla fotografia degli edifici finiti, il concetto che anima i progetti di architettura si racconta spesso scegliendo immagini capaci di evocare l’ide­­a in forma emotiva, piuttosto che descriverla nella sua dimensione tecnica. Si bypassa la logica, si procede per associazioni di idee, si cerca di sorprendere, di scatenare l’immaginazione.

Online sul blog di Fotolia

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Paola Pierotti
Articoli Correlati
  • Diversificazione, industrializzazione dei processi e organizzazione. Chi è Dba Group

  • A Milano una high line come a New York, il futuro secondo FS Sistemi Urbani

  • Castel Sant’Angelo avrà il sottopasso: lavori del Giubileo al via ad agosto

  • Bando Futura, deamicisarchitetti firma l’Itis Leonardo da Vinci di Parma