24-07-2014 Paola Pierotti 1 minuti

Hashtag #lecittàvivibili. Tre proposte per la trasformazione urbana targate dal ministro Lupi

Si parte con una conferenza semestrale con le professioni. Fissato appuntamento a settembre a Milano con i sindaci delle città europee. Obiettivo: regolamento edilizio quadro

"Il disegno che abbiamo in mente non si limita alle procedure urbanistiche, ma coniuga procedure e contenuti territoriali e urbanistici, che si chiamano oggi rinnovo/rigenerazione della città esistente, politiche abitative ispirate alla logica del «social housing», riduzione dell'occupazione del suolo"

Maurizio Lupi

Lupi al MAXXI con l’hashtag #lecittàvivibili. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha convocato per oggi al Museo di Roma un dibattito pubblico sul nuovo disegno di legge dedicato ai "Principi in materia di politiche pubbliche territoriali e trasformazione urbana" che ridefinisce, integra e rinnova le norme urbanistiche di valenza nazionale, ferme al 1942.

Il Ministero ha avviato anche una consultazione pubblica online. La bozza del testo potrà essere commentata e implementata con spunti critici entro il prossimo 15 settembre.

Lupi ha esplicitato tre proposte per la trasformazione urbana e nuove politiche territoriali. Prima di tutto prevede una Conferenza semestrale del governo del territorio, aperta a tutti gli esperti coinvolti a vario titolo nella materia in modo da non avere solo approcci  settoriali all'argomento. Quindi: urbanisti, architetti, ingegneri, agronomi, storici, sociologi, geologi, economisti.

Seconda proposta è una Sessione del Consiglio Informale dei Ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti della UE che si terrà a Milano dal 14 al 16 settembre prossimo dedicata a infrastrutture e mobilità delle città a cui interverranno i sindaci delle grandi città europee.

Terzo tema proposto dal Ministro è la predisposizione di un Regolamento edilizio quadro al quale possano riferirsi i comuni per poi adattarli al proprio territorio. “In Italia – ha detto il ministro- abbiamo 8000 regolamenti edilizi comunali, difficile pensare a un governo del territorio in queste condizioni".

Il testo del Disegno di legge è disponibile sul sito internet del ministero.

“Il disegno che abbiamo in mente – ha detto il Ministro Lupi – non si limita alle procedure urbanistiche, ma coniuga procedure e contenuti territoriali e urbanistici, che si chiamano oggi rinnovo/rigenerazione della città esistente, politiche abitative ispirate alla logica del «social housing», riduzione dell'occupazione del suolo”.

Un secondo carattere distintivo della proposta sta nella riconquista dello spazio dello Stato nella politica territoriale. “Nessun riflesso centralistico, ma – al contrario – l'assunzione della responsabilità di misurarsi con l'integrazione delle politiche pubbliche di settore, solidarizzandole in una azione pubblica territoriale unitaria. Senza strutturare questo livello superiore di responsabilità non sarà possibile ridurre quella entropia, percepita come incertezza dagli stakeholders, che è oggi uno dei punti di maggiore debolezza subìto da tutti i sistemi territoriali locali”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Paola Pierotti
Articoli Correlati
  • A Torino nasce Borgo Hermada: rigenerazione urbana ed edilizia sulla collina

  • Biennale, dal Canada un padiglione di lotta per il “diritto all’abitare”

  • ANCE-ACER

    Giubileo 2025 spa rassicura l’edilizia romana: «Gare veloci e trasparenti»

  • La rigenerazione urbana è anche sociale. E passa dagli impianti sportivi