10-01-2015 Paola Pierotti 3 minuti

L’esperienza del ’supermercato’ ad Expo: le tecnologie a servizio della catena alimentare

Intervista a Carlo Ratti. La staffetta dei grandi eventi: a Saragozza nel 2008 con il Digital Water Pavilion, a Milano ora e poi Rio 2016

"Le esposizioni universali hanno funzionato, da sempre, come acceleratori di innovazione. Basti pensare, restando all’ambito del design e andando indietro nel passato, al Chrystal Palace di Londra nel 1951 o al padiglione di Mies van der Rohe di Barcellona nel 1929. Per questo spero che anche Milano possa essere un laboratorio per sperimentare idee nuove, soprattutto idee concrete per la vita quotidiana dei cittadini"

Carlo Ratti
Carlo Ratti all'Expo 2015 per il Future Food District. Come l'architettura per trasmettere con efficacia messaggi legati al cibo?
Innanzitutto vorrei sottolineare che il ruolo dell’architettura e del design oggi non ha solo a che fare con il mondo "costruito", ma con la progettazione di nuove esperienze. Viviamo in un universo ibrido in cui bit e atomi si mescolano e dove non esistono barriere tra il mondo fisico e quello virtuale. In questo contesto l’architettura ha il compito di creare nuove interfacce per metterci in comunicazione con l’ambiente che ci circonda. Per quanto riguarda il cibo ci piace pensare che le nuove tecnologie della rete possano aiutarci a riconnetterci con la catena alimentare. Una filiera trasparente costituirebbe un primo importante passo per garantire a tutti una maggior conoscenza e un rapporto diretto con i prodotti della terra, magari accorciando le “strade del cibo” e favorendo la valorizzazione dei prodotti locali. Le nuove tecnologie possono fornire strumenti utili per tracciare e comprendere l’attuale rete di distribuzione e per concepirne una migliore.Inoltre, le nuove tecniche di coltivazione urbana potrebbero tramutare spazi solitamente inutilizzati in aree produttive. Credo che sarà interessante vedere se l'urban farming prenderà davvero piede: gli effetti potrebbero essere dirompenti, non tanto dal punto di vista della quantità di cibo prodotta, bensì per la possibilità creare un rapporto più diretto tra cittadini e natura.
I numeri del progetto e a che punto è il cantiere?
Un edificio-supermercato di 2500 mq (già costruito da Expo) e una piazza di 4500 mq ancora da allestire.
 
Chi è l'impresa e chi sono le aziende che lo realizzano?
COOP, official premium partner di Expo 2015, attraverso il proprio braccio operativo INRES.
 
Oltre il rendering e la realtà aumentata. Come sarà il 'supermercato' per un visitatore che entrerà nel FFD?
Si tratta di un vero e proprio supermercato, dove provare un’esperienza di acquisto reale. I prodotti saranno disposti su grandi tavoli interattivi che, collegati a un sistema di sensori cinetici e grandi schermi sospesi, daranno modo al consumatore di ottenere e visualizzare delle vere e proprie etichette aumentate, attraverso le quali conoscere le proprietà nutritive e l’origine dei prodotti. Abbiamo cercato di pensare a uno spazio che sia, per molti versi, simile ad un antico mercato, annullando le barriere verticali e creando un paesaggio orizzontale. Vogliamo recuperare la concezione del luogo di acquisto come spazio di scambio e interazione, in cui il consumatore può essere anche produttore, come accade nella rete con le dinamiche peer to peer.

Che percezione ha Carlo Ratti di questo evento milanese? Punti di forza e debolezza?
Ci è capitato spesso di lavorare per grandi eventi, come Expo e Olimpiadi. Per l’esposizione di Saragozza del 2008 avevamo progettato il Digital Water Pavillion, un edificio 'liquido' e riconfigurabile grazie a pareti di acqua.  Oggi stiamo lavorando per Rio 2016. Il tema scelto per la città di Milano è molto forte e immagino avrà grande successo. Trovo che in questa corrispondenza perfetta tra tema e Paese ospite possa trovarsi la forza di questa EXPO.

Quali analogie e differenze con altri grandi eventi che hai seguito da vicino?
Le esposizioni universali hanno funzionato, da sempre, come acceleratori di innovazione. Basti pensare, restando all’ambito del design e andando indietro nel passato, al Chrystal Palace di Londra nel 1951 o al padiglione di Mies van der Rohe di Barcellona nel 1929. Per questo spero che anche Milano possa essere un laboratorio per sperimentare idee nuove, soprattutto idee concrete per la vita quotidiana dei cittadini.

Cosa diventerà il FFD dopo l'evento?
Il FFD è stato concepito come uno spazio temporaneo, è nato come un laboratorio: un esperimento vivo. Speriamo però che alcune delle tecnologie testate al suo interno siano destinate a restare e possano ispirare sviluppi successivi.

La tua idea per il dopo Expo?
Data l'impostazione iniziale sappiamo che molti edifici non resteranno, spero che resti un'eredità legata soprattutto alle idee e all'innovazione.

Carlo Ratti: guardare al mondo come ad un mercato che offre grandi opportunità
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Paola Pierotti
Articoli Correlati
  • Diversificazione, industrializzazione dei processi e organizzazione. Chi è Dba Group

  • A Milano una high line come a New York, il futuro secondo FS Sistemi Urbani

  • Castel Sant’Angelo avrà il sottopasso: lavori del Giubileo al via ad agosto

  • Bando Futura, deamicisarchitetti firma l’Itis Leonardo da Vinci di Parma