16-10-2014 Paola Pierotti 3 minuti

Mibact e Miur premiano 12 scuole italiane-modello e le portano in mostra alla Biennale

Su proposta di Inarch i due Ministeri hanno promosso una mostra/concorsi per portare all’attenzione le migliori opere di architettura scolastica

Dodici scuole, tutte costruite. Asili nido, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie. Quasi tutte realizzate nelle regioni del Nord Italia e una buona parte in Alto Adige. Scuole-modello scelte tenendo in considerazione la qualità architettonica ma anche la capacità della scuola di interpretare i nuovi modelli didattici della scuola 2.0 e ragionare sulla flessibilità degli spazi

Francesco Orofino

Dodici scuole, tutte costruite. Asili nido, scuole dell’infanzia, primarie e secondarie. Quasi tutte realizzate nelle regioni del Nord Italia e una buona parte in Alto Adige. Scuole-modello “scelte tenendo in considerazione la qualità architettonica ma anche la capacità della scuola di interpretare i nuovi modelli didattici della scuola 2.0 e ragionare sulla flessibilità degli spazi” spiega Francesco Orofino, vicepresidente nazionale di Inarch. Si è conclusa l’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione generale PaBAAC – Servizio architettura e arte contemporanee – con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca organizzata nei mesi scorsi e lanciata con il titolo “AGIbiLE E BELLA – architetture di qualità per la qualità delle scuole”.

Una mostra/concorso che rientra tra le iniziative collaterali del Padiglione Italia della 14 Mostra Internazionale di Architettura di Venezia realizzata su proposta dell’Inarch. “L’idea è nata a maggio – racconta Orofino – quando i premier Renzi ha annunciato che avrebbe finanziato con 3,5 milioni l’edilizia scolastica. Risorse importanti per mettere in sicurezza il patrimonio, ma senza trascurare la qualità architettonica. Ecco allora – continua il vicepresidente Inarch – che abbiamo lanciato una sorta di bando per raccogliere progetti di scuole realizzate, tra oltre 150 candidature ne abbiamo scelte 12 e altre 11 scuole hanno ricevuto una menzione. Una di queste riceverà anche un riconoscimento in denaro dalla Fondazione Inarcassa. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di far emergere la realtà delle buone architetture scolastiche realizzate negli ultimi 20 anni in Italia – non solo edifici di nuova costruzione ma anche riqualificazioni di strutture esistenti.

La giuria, presieduta da Alberto Abruzzese con la partecipazione di Maria Grazia Bellisario (Mibact), di Laura Galimberti (Miur) e di Massimo Pica Ciamarra (Inarch) ha selezionato gli esempi migliori di edilizia scolastica che dal 17 ottobre a Venezia negli spazi di Palazzo Grimani saranno in mostra.

Le 12 scuole modello. Scuola elementare e materna Don Filippo Rinaldi, Roma. Progettisti: RTP Arch. Cosmo Antonello Magliozzi (capogruppo) con arch. Simona Ruggeri (MARS ARCHITETTI), arch. Valerio Hinna Danesi, arch. Claudio Maroni, ing. Giuseppe Pascucci, ing. Attilio De Rossi. Committente: Roma Capitale. 2. Scuola Agraria nel castello Fürstenburg Burgusio – Malles  BZ. Progettista: Werner Tscholl. Committente: Provincia Autonoma di Bolzano. 3. Polo per l’infanzia “Firmian” Bolzano. Progettista: MoDusArchitects. Committente: Comune di Bolzano. 4. Scuola elementare Chiarano, Treviso. Progettisti: C+S Architects. Committente: Comune di Chiarano. 5. Asilo nido comunale A. Gabelli, Andria. Progettisti: Pino Cimino. Committente: Comune di Andria. 6. Asilo Nido comunale “Pietraporzia”, Frascati. Progettisti: Giovanni Fumagalli (capogruppo) Carlo Melograni, Franco Masotti, Giuseppe Serrao. Committente: Comune di Frascati. 7. Asilo Nido Caribimbi Centro Servizi Cariparma, Cavagnari, Parma. Progettisti ZPZ Partners. Committente: Cariparma Crédit Agricole. 8. Scuola secondaria di primo grado “L.Orsini”, Imola. Progettisti: Andrea Dal Fiume, Responsabile Settore Opere Pubbliche di Imola. Committente: Amministrazione Comunale di Imola. 9. Scuola dell’Infanzia San Frediano, Settimo Comune di Cascina (PI). Progettisti: Studio di architettura “Colucci&Partners”. Committente: Amm.ne Com.le di Cascina. 10. Scuola per le professioni sociali Hanna Arendt, Bolzano. Progettisti: Cleaa Claudio Lucchin & architetti associati. Committente: Provincia Autonoma di Bolzano. 11. Scuola Materna L’Arcobaleno, Busta di Montebelluna (Treviso). Progettista: Arch. Luisa Fontana – FONTANAtelier. Committente: Comune di Montebelluna. 12. Scuola Petrocelli – Istituto Comprensivo Raffaello, Roma. Progettisti: ATP Herman Hertzberger+Marco Scarpinato. Committente: Comune di Roma

Tre domande sulle scuole a Mario Cucinella. "Priorità per le scuole: sicurezza sismica e ambientale, costi quel che costi"

Tre domande sulle scuole a MTaA. "La scuola come microcosmo urbano. Semplicità costruttiva, energia zero e riduzione dei costi"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Paola Pierotti
Articoli Correlati
  • Diversificazione, industrializzazione dei processi e organizzazione. Chi è Dba Group

  • A Milano una high line come a New York, il futuro secondo FS Sistemi Urbani

  • Castel Sant’Angelo avrà il sottopasso: lavori del Giubileo al via ad agosto

  • Bando Futura, deamicisarchitetti firma l’Itis Leonardo da Vinci di Parma