27-05-2017 2 minuti

Più che abitare, ecco l’housing sociale modello delle cooperative svizzere

Nel distretto Hunziker 13 condomini per 1200 inquilini, 150 spazi per il coworking, asili, spazi per il benessere e lavanderie

“More than housing”, “Più che abitare” è il nome del consorzio di Zurigo che riunisce circa 50 cooperative e che tra il 2007 e il 2015 ha sviluppato il distretto Hunziker, un progetto di social housing nato grazie al dialogo proattivo tra la popolazione e cinque studi di architettura. Il risultato? Tredici condomini che ad oggi ospitano oltre 1.200 inquilini e 150 spazi dedicati al coworking e ad attività commerciali, costruiti su un’area che il Comune ha affittato alle cooperative. 

Quarantunomila metri quadri destinati alle abitazioni, 6000 agli uffici e 800 alle aree comuni, per un investimento totale di 180 milioni di euro, risorse per il 10% provenienti dai soci delle cooperative e per il restante 90% ottenute attraverso prestiti (65% da una banca privata, 15% da cooperative e il 10% dallo Stato, con tassi agevolati). 

La progettazione dell’area nasce con un concorso bandito dal consorzio nel 2008 e vinto dai due studi svizzeri Duplex Architekten e Futura Frosch, a cui si sono aggiunti successivamente gli studi pool Architekten, Müller Sigrist Architekten e Miroslav Sik Architekt.

“Tutti gli appartamenti hanno un’alta qualità architettonica ed elevati standard ambientali – spiega Ueli Keller, architetto membro del direttivo “More than housing” tra i partecipanti dell’evento promosso a Roma da Legacoop Abitanti -. Il progetto è stato studiato anche per incentivare la mobilità sostenibile, permettendo agli abitanti di muoversi comodamente con i trasporti pubblici. Anche per questo abbiamo deciso di inserire nell’area delle stazioni per il bike e il car sharing”.  

Quanto costa vivere nella zona Hunziker? L’affitto di un appartamento di 100 mq con 4-5 camere si aggira intorno ai 1370 euro al mese, circa il 20% in meno degli affitti medi nella città di Zurigo. I vantaggi però non si misurano solo sotto il profilo economico ma anche sociale: gli spazi comuni infatti offrono numerosi servizi, solitamente non presenti in un condominio. Dagli asili, alle aule di musica, dalle aree benessere con le saune, alle lavanderie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli Correlati
  • Diversificazione, industrializzazione dei processi e organizzazione. Chi è Dba Group

  • A Milano una high line come a New York, il futuro secondo FS Sistemi Urbani

  • Castel Sant’Angelo avrà il sottopasso: lavori del Giubileo al via ad agosto

  • Bando Futura, deamicisarchitetti firma l’Itis Leonardo da Vinci di Parma