Rosewood inaugurerà a Milano il suo quarto hotel in Italia

31-10-22   I   | Lettura : 3 Minuti

A due passi dal quadrilatero della moda il simbolo dell’ospitalità di lusso che aprirà nel 2025
I

n Italia, nonostante la pandemia, il trend per il settore alberghiero si conferma in continua crescita, con 2,5 miliardi di euro di fatturato nel 2021 e un aumento previsto a 3,1 miliardi nel 2022. Per questo Rosewood Hotels & Resorts, leader nell’ospitalità e nelle esperienze di lusso a livello mondiale, conferma il percorso di crescita strategica intrapresa in Europa e in particolare in Italia.

Il Gruppo Statuto, proprietario dell’immobile, ha scelto la compagnia internazionale con sede ad Hong Kong per la gestione della struttura che aprirà nel 2025 nel cuore della città. Quello di Milano sarà il quarto albergo della catena in Italia e segue i recenti annunci delle prossime aperture di Rosewood Roma e Rosewood Hotel Bauer a Venezia. I tre progetti si aggiungono all’iconico Rosewood Castiglion del Bosco, resort situato in Toscana nella provincia senese, inserito all’ interno del prestigioso brand dal 2015.

Una location storica immersa tra via Montenapoleone e il quadrilatero della moda, dove iconiche boutique di lusso si fondono con gli storici negozi di antiquariato della città. Ben 70 camere, tra cui circa 20 suite, per la struttura che occuperà Palazzo Branca e Palazzo della Banca Commerciale, edifici storici del XIX secolo e precedentemente sede della Banca Commerciale Italiana. Il progetto mostra ancora una volta la vision del gruppo Rosewood, impegnato nel salvaguardare le architetture iconiche già esistenti per trasformarle in nuovi spazi accoglienti e lussuosi.


Il gruppo è già presente in Italia a Castiglion del Bosco, nel senese, ed ha già annunicato le prossime aperture a Roma e Venezia.


«Siamo entusiasti di questa apertura che conferma il nostro piano di crescita in Europa e in particolare in Italia», afferma Sonia Cheng, amministratore delegato di Rosewood Hotel Group. «Rosewood continua ad espandersi in destinazioni strategiche per i nostri ospiti. Con la sua cultura e dinamismo, Milano soddisfa tutte le esigenze di una location urbana firmata dal nostro gruppo e va a completare la nostra collezione di hotel e resort di lusso nelle capitali della moda internazionali in cui siamo presenti, comprese le nostre iconiche proprietà di New York, Parigi e Londra».

Un design contemporaneo che si integra con lo spirito della metropoli, un’oasi urbana che rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per i creativi del settore della moda ma non solo. Lo Studio K.O. supervisionerà il progetto, sviluppando uno spazio polifunzionale e colorato che riesca a far convivere armonicamente linee classiche e dettagli moderni.

Rosewood Milano ospiterà anche un bar e un ristorante con ampio giardino, un centro benessere con tre sale per trattamenti, una piscina coperta e un centro fitness.

«Siamo orgogliosi di collaborare con un brand come Rosewood per ridare nuova vita a questi edifici storici», afferma Giuseppe Statuto, amministratore delegato del Gruppo Statuto. «Integrando le nostre esperienze e filosofie comuni, siamo sicuri che questo hotel diventerà subito un'icona dell’ospitalità di lusso di Milano. Una città all’avanguardia che si distingue sempre più nel mondo come una destinazione imperdibile per i viaggiatori internazionali e per gli abitanti del luogo».

Foto di copertina © Gruppo Statuto

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Accetto
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Accedendo a questo sito, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina sulla Privacy Leggi di più
Biennale Venezia scali Milano comunicare l'architettura Salone del Mobile e fuorisalone
Cavallerizza Reale, il team di Cino Zucchi vince (Lacaton&Vassal resta in pista)
La casa dello studente diffusa: servizi digitali per alloggi certificati
Andrea Tabocchini, il decollo con le scuole Futura e il Museo Egizio
rigenerazione urbana le iniziative le competizioni innovazione i protagonisti la scuola
Il nostro Paese alla Biennale di Venezia. Chi c'era in lizza?
Fosbury Architecture, ecco chi cura il prossimo padiglione Italia
Biennale Architettura 2023, con la Lokko l'Africa come laboratorio del futuro