29-04-2014 Paola Pierotti 2 minuti

Social Media Expo2015: “La nostra sfida è trasformare il lettore in un giocatore attivo e partecipe”

Intervista a Susanna Legrenzi e Stefano Mirti, Head of Social Media Expo2015

Come si comunica un grande evento come Expo 2015? Qual è il ruolo dei social media editor e di internet nella comunicazione di un grande evento?
Tutta la narrazione di Expo2015 ha, come elemento trasversale, il coinvolgimento di diverse comunità, attive a livello locale e globale. In quest’ottica, i Social Media hanno il compito di innescare il racconto attraverso la produzione di contenuti e la condivisione di comportamenti e pratiche bottom-up, interazioni e risposte, sia nel mondo fisico sia in quello digitale. La sfida è trasformare il lettore in un giocatore attivo e partecipe. In Rete, ma non solo. In agenda, abbiamo già un workshop aperto al pubblico in programma a maggio presso Expo Gate, il Padiglione in largo Beltrami a Milano, progettato da Alessandro Scandurra e curato da Caroline Corbetta. Vi aspettiamo!

Quale ruolo e quale peso hanno i temi della città, dell’architettura e dell’ingegneria nell’ambito della comunicazione di un grande evento come Expo?
Expo2015 è una grande agorà. Un luogo di scambio e di sperimentazione di nuovi modelli.  Expo2015 è nutrizione. Ma anche risorse, sostenibilità, Smart City… Sui Social Media diamo e daremo sempre più spazio a tutti questi temi, in particolare all’architettura, con focus dedicati alle cinque Aree Tematiche, ai nove Padiglioni Cluster, progettati in collaborazione con Università italiane e straniere, agli oltre quaranta Padiglioni firmati da studi emergenti o da architetti di fama internazionale come Foster and Partners. Per chi vuole approfondire al di là dei Social, ricordiamo che Expo Milano 2015 parteciperà anche al Padiglione Italia a cura di Cino Zucchi per la 14° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, raccontando specifiche progettuali ma aprendo anche un laboratorio di pensiero sul dopo-Expo con cinque giovani studi italiani d’architettura.

Dalla carta al web, cambiano i registri, cambiano gli utenti. Cosa vogliono trovare i potenziali lettori? Quali sono i post che totalizzano più click?
Dai dati degli insight possiamo confermare che i Social coinvolgono un pubblico giovane e curioso che cerca e chiede informazione. Quella generata dai nostri canali social è un grande intreccio di storie che abbracciano temi alti ma anche momenti di svago. Expo2015, con oltre 147 Paesi coinvolti, è il Mondo a Milano. In quest’ottica i post che totalizzano più click sono quelli che anticipano lo straordinario meticciato di culture che animerà l’Esposizione a partire dal 1 maggio 2015. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Paola Pierotti
Articoli Correlati
  • Diversificazione, industrializzazione dei processi e organizzazione. Chi è Dba Group

  • A Milano una high line come a New York, il futuro secondo FS Sistemi Urbani

  • Castel Sant’Angelo avrà il sottopasso: lavori del Giubileo al via ad agosto

  • Bando Futura, deamicisarchitetti firma l’Itis Leonardo da Vinci di Parma