13-10-2016 2 minuti

Tecnologie sostenibili e green per la riqualificazione edilizia e il retrofit energetico

Aspettando SAIE. Intervista a Sabrina Cunial, Direzione Vendite e Marketing di Cotto Possagno

"Tegole fotavoltaiche e ventilate. Il risparmio energetico per diminuire il conto della bolletta, utilizzando energia pulita”

Sabrina Cunial, Cotto Possagno

Riqualificare il patrimonio abitativo attraverso la rigenerazione urbana, creare un modello compatibile con il contesto ambientale, efficiente da punto di vista energetico, confortevole e salubre. Questi sono gli obiettivi del Manifesto della Casa Mediterranea declinati nella piazza del Laterizio e della Ceramica del SAIE 2016, situata nel padiglione 26. In questi spazio verrà presentata La Casa Mediterranea, un modello abitativo sicuro ed energeticamente efficiente, che considera come elementi chiave gli aspetti legati alla cultura del territorio italiano e, in generale, del bacino del Mediterraneo. Si tratta di una casa anti-sismica grazie all’impiego di laterizio evoluto, arricchita da materiali ceramici innovativi e funzionali, basata sull'economia circolare. Tra le aziende ospiti c’è Industrie Cotto Possagno, azienda che si distingue nella produzione di coppi e tegole con requisiti di impermeabilità, antigelività e resistenza meccanica anche superiore a quanto richiesto dalle norme UNI-EN. “La nostra partecipazione al SAIE – spiega Sabrina Cunial, Direzione Vendite e Marketing dell’azienda – nel contesto della piazza del laterizio, ci consente di partecipare all’importante progetto della Casa Mediterranea dove si promuovono soluzioni che rispondono alle diverse esigenze climatiche, progettuali, estetiche, strutturali del nostro Paese".

Sabrina Cunial, cosa significa per voi essere al SAIE quest’anno? 
Prima nata in Italia come fiera dedicata all’edilizia, SAIE è una vetrina internazionale, una manifestazione fieristica con spazi dedicati al futuro del mondo delle costruzioni. Una tradizione che va verso l’innovazione.

Quali sono le novità che porterete in fiera? 
Presenteremo proposte innovative per il sistema tetto, come la tegola in cotto fotovoltaica che unisce la moderna tecnologia fotovoltaica e la funzionalità della copertura in argilla, sempre nel rispetto dell’estetica dell’edificio su chi viene applicata. Inoltre, all’interno del progetto di ricerca finanziato dalla Comunità Europea, sarà presente in anteprima la tegola Herotile, una tegola ventilata con caratteristiche innovative di efficienza energetica: permeabilità all’aria e un migliore rendimento per la dissipazione della radiazione solare. Sistemi completi di copertura che, grazie a sistemi di fissaggio e isolamento particolarmente performanti, rappresentano soluzioni naturali per il risparmio energetico estivo e invernale. 

Qual è il valore aggiunto per un installatore che sceglie questi prodotti?
Il risparmio energetico per diminuire il conto della bolletta, utilizzando energia pulita. In particolare la tegola areata utilizza la ventilazione, che è il primo isolamento naturale in grado di abbassare l’approvvigionamento di energia nonché il consumo di CO2 Non solo, i prodotti Cotto Possagno sono sani perché non rilasciano agenti chimici dannosi per la salute.

La Casa Mediterranea è un’iniziativa di comunicazione che unisce diverse aziende. Quali le vostre aspettative?
Il cotto è un materiale naturale, isolante, ignifugo e non rilascia sostanze nocive. Nel clima mediterraneo abbiamo bisogno di massa e di prodotti che rimangano stabili nel tempo e non vengano intaccati da agenti patogeni. La nostra partecipazione al progetto per la Casa Mediterranea racconta l’evoluzione della tradizione aziendale con le innovazioni accumulate negli anni: prodotti performanti, soluzioni di aggancio, fissaggi, sistemi antisismici.

Questo articolo è pubblicato anche su saie.it e su edilio.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli Correlati
  • A Torino nasce Borgo Hermada: rigenerazione urbana ed edilizia sulla collina

  • ANCE-ACER

    Giubileo 2025 spa rassicura l’edilizia romana: «Gare veloci e trasparenti»

  • La rigenerazione urbana è anche sociale. E passa dagli impianti sportivi

  • Caserma Garibaldi, cortile. Progetto di Beretta Associati

    Il presidio garibaldino di Milano diventa ateneo sostenibile